CAPPOTTO TERMICO 2019: interno o esterno, prezzi al mq, scelta e pratica

CAPPOTTO TERMICO 2019: interno o esterno? Quali sono i costi dei pannelli isolanti e i prezzi al mq della posa in opera? Che materiale scegliere: polistirene EPS, XPS, poliuretani, lana di roccia, fibra di legno o di sughero.  Infine, sono previste delle detrazioni fiscali dall'Agenzia delle Entrate, e per quali aliquote (50%, 65%, 70%)? Quali sono i massimali di spesa per l'ecobonus risparmio energetico? Occorre presentare una pratica edilizia al Comune?cappotto termico scelta interno esterno

Se sei finito sul mio articolo è perché senti freddo oppure le bollette del riscaldamento ti assillano. Se può consolarti, non sei l'unico, anzi. La maggior parte delle case degli italiani è un colabrodo energetico. Direi che un buon 80% degli appartamenti è realizzato senza prestare la benché minima attenzione agli aspetti energetici.

In pratica, è come se buttassimo dalla finestra, e dalle pareti, qualche centinaio di euro all'anno, a famiglia.

Ora, è il momento giusto per intervenire. Specialmente, considerando le detrazioni fiscali, e le relative aliquote (50%, 65%, 70%), sfruttabili per realizzare un bel cappotto termico per isolare la casa.

Immagino che in testa ti stiano frullando domande del tipo: è meglio isolare sull'interno o sull'esterno? Quali sono i costi del materiale e i prezzi al mq dell'installazione? Che tipo di materiale isolante scegliere: polistirene XPS, poliuretani, lana di roccia, fibra di legno o di sughero. Quali sono i massimali di spesa per l'ecobonus risparmio energetico? Quanto mi costa il professionista per il progetto?

Non preoccuparti, con questa guida cercherò di semplificarvi al massimo la questione. Leggi attentamente ogni paragrafo e alla fine avrai chiaro il quadro della situazione e non potrai sbagliare. Se ti saranno rimasti dei dubbi, non esitare a chiedermi chiarimenti tra i commenti.

Partiamo dalle basi: l’isolamento termico dei fabbricati dall'esterno, comunemente detto “a cappotto” è oggi uno dei sistemi di isolamento più efficaci sia per interventi sul nuovo che sull'esistente. Ma vediamo il perché:

Che cos'è il cappotto termico?

Dal punto di vista tecnologico, il cappotto non è altro che l’applicazione di un rivestimento isolante sulla parte esterna o interna delle pareti dell’edificio.

Come dice la parola stessa, è un vero e proprio cappotto per la nostra casa.

In questo modo, oltre a ridurre le dispersioni termiche attraverso le murature, correggerai i ponti termici. I ponti termici sono delle porzioni di immobile in cui avviene un cambio di materiale o di geometria dell'elemento, trasformandosi in una sorta di via preferenziale per il passaggio del freddo. Ad esempio, l'intersezione tra il pavimento e il muro, tra il muro e il pilastro oppure lo spigolo della parete. In questi punti, bisogna prestare la massima attenzione nella posa dell'isolante.

Se ben installati, i pannelli evitano anche la formazione di condensa e di muffa.

Ma vediamo come viene posato un cappotto?  In prima battuta si incollano sulla parete pulita i pannelli isolanti di natura, consistenza e spessore decisi dal termo-tecnico in base agli obiettivi da raggiungere e alla posizione dell'isolante. In seguito, si rifinisce con un doppio strato di intonaco rasante, al cui interno viene posta la rete in fibra di vetro. Per fissare al meglio l'isolante alla parete si applicano dei tasselli. Infine, si imbianca il tutto. Per chiarirti meglio, vedi nell'immagine un esempio di stratigrafia:

stratigrafia cappotto

 

Tra gli isolanti più utilizzati abbiamo: il polistirene EPS noto anche come polistirolo, il polistirene espanso XPS e il poliuretano (Stiferite) per quanto riguarda i derivati dal petrolio. La lana di roccia che ha origine minerale e la fibra di legno o di sughero, con origine naturale. Gli spessori degli isolanti variano dagli 8 ai 12 cm a seconda della zona. È possibile posare spessori inferiori ma sarà necessaria l'installazione di materiali più performanti e naturalmente più cari.

In questo articolo ho elencato tutti gli isolanti in commercio, definendo tutte le caratteristiche e i prezzi.

Questo tipo di intervento deve essere progettato attraverso la relazione energetica (ex-legge 10)  a firma di un Ingegnere o tecnico abilitato. Tramite la relazione si attesta che la stratigrafia del muro, compresa di isolante, non sarà oggetto di fenomeni di condensa e raggiungerà i requisiti di legge, in termini di trasmittanza (capacità di disperdere / trattenere calore) limite. Questa trasmittanza limite varierà in base alla zona. Pensiamo alle pareti di Cortina che dovranno avere performance migliori rispetto a quelle di Firenze.

Vediamo ora, dove posizionare l'isolante:

Vantaggi e svantaggi di un cappotto esterno rispetto all'isolamento interno o in intercapedine e scelta dei materiali isolanti.

Come avrai capito, il materiale isolante può essere inserito sull'esterno della parete, nel muro (intercapedine) o sull'interno.

isolamento interno esterno intercapedine muro e parete

Posizionando lo strato isolante sull'esterno, il sistema consentirà di mantenere le pareti più fredde d'estate e più calde d'inverno, aumentando il comfort abitativo. Inoltre, si eviterà la condensa nel muro e la formazione di muffe.

Pensiamo invece al cappotto interno: durante l'inverno, l'umidità interna alla casa, a causa della differenza di temperatura con l'esterno più freddo, tenderà ad attraversare l'isolante. Non appena il vapore acqueo raggiungerà il muro freddo creerà la condensa. Per risolvere questo problema, molti miei colleghi, installano una barriera di vapore (strato completamente impermeabile). Pensiamo però a quando il flusso si inverte d'estate. A questo punto il vapore acqueo, dopo aver attraversato la muratura incontrerà la barriera di vapore e li avverrà la condensa. In tanti utilizzano lo strato impermeabile ma a mio parere è molto rischioso. Io opterei per isolanti traspiranti, come la fibra di legno, il silicato di calcio o il sughero, ed eviterei di utilizzare la barriera di vapore. Mi raccomando, se tu optassi per questi materiali, non coprire la parete con arredi e lascia il muro libero di "respirare"!

Continuiamo con i vantaggi dell'isolamento sull'esterno. Rispetto all'isolamento interno, possiede:

  • maggiore efficienza invernale ed estiva;
  • una grande “inerzia” termica: l’ambiente si riscalda e raffredda lentamente;
  • una correzione dei ponti termici più "semplice": pensate a quanto è difficoltosa la posa del cappotto interno negli spigoli soffitto / parete. Sull'esterno tale inserzione non esiste.
  • minori rischi di condensa interstiziale, prestando particolare cura nella posa in opera;
  • una maggiore semplicità posa in opera.

INTERNO VS ESTERNO: se potete intervenire sugli esterni non abbiate dubbi!!!

Per il cappotto esterno ti consiglierei come isolante il polistirene espanso XPS o il poliuretano, oppure i pannelli in legno.

Sugli edifici esistenti non sempre è fattibile la posa in opera di un cappotto esterno. Pensiamo agli immobili vincolati dalla Soprintendenza per particolari caratteristiche storiche e di pregio, oppure all'isolamento del singolo appartamento di un condominio. Oltre a questi casi estremi che rappresentano dei vantaggi per l'isolamento interno, il cappotto interno offre una maggiore protezione dell’isolante dagli agenti atmosferici;

Il cappotto in intercapedine è una via di mezzo tra i precedenti. Ormai in disuso.

Passiamo alle agevolazioni:

Quali sono le detrazioni per il cappotto termico della casa? Quale pratica (o permesso edilizio) è necessaria?

Fino al 2021, l'agenzia delle entrate ha messo in campo degli ottimi incentivi per la coibentazione dell'involucro ai fini del risparmio energetico ecobonus. In particolare, per gli immobili privati (villette, case indipendenti) l'aliquota è stata fissata al 65%. Mentre, quando la detrazione si richiede a livello condominiale, la percentuale di sgravio è del 70%.

Ma in cosa consistono queste detrazioni fiscali? Immagina di posare un cappotto sulla tua villa a Cortina e di spendere 40.000 €. L'Agenzia delle Entrate ti restituirà il 65 % in detrazioni Irpef. Quindi, l'agenzia, non ti verserà sul conto 26.000 € (65% di 40.000 €) ma ti restituirà la somma scalandola dalle tasse future, in 10 rate annuali. 

Importante!!! Il tetto massimo di spesa è di 40.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.

Quindi, se condividi la tua villa con 4 condomini, la spesa massima che potrete detrarre è di 40.000 x 4= 160.000 €. Se spenderete 250.000 €, 90.000 non potrete detrarli. Magari potreste inserirli nel bonus ristrutturazione. 

Per ottenere il bonus occorre raggiungere determinati indici di prestazione energetica.

Difatti, i valori di trasmittanza termica finali (U) devono essere inferiori o uguali ai valori riportati nella tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010;

D.M. 26 gennaio 2010 tabella 2 trasmittanze

Per individuare la zona climatica, ti sarà utile la seguente tabella:

 Zona 

Città di riferimento

A

Lampedusa, Linosa, Porto Empedocle

B

Agrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa, Trapani

C

Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza,

Imperia, Latina, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto

D

Ancona, Ascoli Piceno, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Firenze, Foggia, Forli', Genova,

Grosseto, Isernia, La Spezia, Livorno, Lucca, Macerata, Massa, Carrara,

Matera, Nuoro, Pesaro, Pesaro, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Roma,

Savona, Siena, Teramo, Terni, Verona, Vibo Valentia, Viterbo

E

Alessandria, Aosta, Arezzo, Asti, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia,

Campobasso, Como, Cremona, Enna, Ferrara, Cesena, Frosinone, Gorizia,

L'Aquila, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Modena, Novara, Padova,

Parma, Pavia, Perugia, Piacenza, Pordenone, Potenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti,

Rimini, Rovigo, Sondrio, Torino, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Vicenza

F

Belluno, Cuneo

 

Ad esempio, se vivi a Firenze, la tua zona climatica sarà la D. La tua parete, comprensiva di cappotto, dovrà avere una trasmittanza massima di 0,29 W/mqK.

Inoltre, per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali, che si trovano nelle zone sismiche 1, 2 e 3, finalizzati contemporaneamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, la detrazione è ancora più alta. Pari all’80% se lavori determinano il passaggio a una classe di rischio inferiore. Mentre, se gli interventi determinano il passaggio a due classi di rischio inferiori, l'aliquota passa all'85%. Addirittura, in questi casi, il tetto massimo di spesa è pari a 136.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio.

La detrazione viene restituita in 10 quote annuali di pari importo.

A fine lavori, dovrai conservare la seguente documentazione:

  • asseverazione redatta da un tecnico abilitato , che deve attestare il rispetto dei requisiti tecnici di cui sopra: c
  • copia della relazione tecnica, di cui all’art. 8 comma 1 del D.lgs. 192/05 e s.m.i. o provvedimento regionale equivalente;
  • Attestato di Prestazione Energetica (A.P.E.) di ogni singola unità immobiliare per cui si richiedono le detrazioni;
  • originale della documentazione inviata all’ENEA debitamente firmata;
  • schede tecniche dei materiali e dei componenti;

Per approfondimenti sulle detrazioni, ti consiglio la lettura di questo articolo.

Per la posa del cappotto, è necessaria la pratica da presentare in Comune detta CILA, a firma di un professionista abilitato (ingegnere, architetto, geometra o perito). Quest'ultimo dovrà asseverare che il progetto è conforme alle norme contenute nel regolamento edilizio comunale e a quelle nazionali. Qualora la tua casa fosse posizionata in zona sottoposta a vincolo devi richiedere il nullaosta alla Soprintendenza per i beni culturali.

Ma veniamo all'aspetto economico e della convenienza:

Qual è il costo / prezzo al mq del cappotto termico?

prezzi cappotto termico Madera Vincenzo

Il costo / prezzo degli isolanti e della posa in opera del cappotto oscilla tra i 70 e i 100 € al metro quadro.

Il prezzo dipende da:

  • località: se vivi in città oppure in campagna, il prezzo può variare. In città dovrai far installare dei ponteggi e molto probabilmente dovrai pagare l'affitto del suolo pubblico. In campagna, il tuo appartamento potrebbe essere difficile da raggiungere.
  • dalla superficie da coprire: all'aumentare della superficie, pagherai meno euro al metro quadro.

  • dal tipo di isolante scelto: se opterai per materiali di origine fossile, come il polistirolo, spenderai di meno rispetto a materiali di origine minerale o naturale. 

Ti ho postato dei prezzi indicativi che ti potranno essere utili per una stima di massima:

Materiale

Prezzo € al

metro quadro

Origine 

Utilizzi

Cappotto 

Da a

Polistirene

Espanso

Sinterizzato (EPS)

8 12 Fossile Esterno

Polistirene

Espanso

Estruso (XPS)

18 27 Fossile

Esterno

interno

Poliuretano

Espanso

Rigido (PUR)

10 19 Fossile

Esterno

interno

Lana di roccia

(MW)

10 19 Minerale

 Esterno

intercapedine 

Lana di vetro

(MW)

10 19  Minerale 

Esterno

intercapedine

Calcio-silicato 30 35 Minerale Interno

Fibra di legno

(WF)

12 15 Naturale

Esterno

interno

Sughero 18 40 Naturale

Esterno

interno

AEROGEL 150 450 Minerale Interno
 
Manodopera 30 50  

Noleggio

del ponteggio

10 15

 

A tutto ciò dovrai aggiungere la parcella del tecnico, che può essere un ingegnere, architetto o geometra. Difatti, vista la delicatezza e il costo dell'intervento, ti consiglio di affidarti ad un tecnico che verifichi la corretta posa in opera durante la direzione lavori e coordini i lavori dal punto di vista della sicurezza sul cantiere. 

Tramite internet è possibile richiedere un preventivo gratuitamente e in tempi brevissimi. APPROFITTANE!!

Credo proprio di averti detto tutto. Spero che l'articolo ti sia stato utile. Vincenzo.

tags:mapei, styrodur

Aggiungi commento


Commenti  
# Sara 2019-06-12 15:19
Salve, dovrei ristrutturare casa indipendente e ho un po’ di domande:
- In base ai lavori, è possibile richiedere rimborso diversificato? Mi spiego: se i lavori prevedono abbattimento muri interni, solette, impianto elettrico, costruzione solette, .... ma anche impianto radianti a pavimento e cappotto esterno, posso chiedere detrazione 50% x il primo caso e 65% x il
- se la casa è divisa i. Due appartamenti è corretto moltiplicare x 2 la detrazione?
- se comincio i lavori a luglio e nn li finisco entro 31 dicembre 2019, ho diritto lo stesso alle detrazioni?
- per i mobili vale il discorso della quota 10000x2 se gli appartamenti sono 2?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-12 15:43
Salve Sara, si a tutto, ma legga qui per non fare errori studiomadera.it/.../... .saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sara 2019-06-12 16:56
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sara 2019-06-01 08:56
Salve, devo coibentare due pareti ed il soffitto di una stanza molto fredda in inverno. (Zona D e Muro in pietra spesso circa 50 cm).
Sono indecisa se installare stiferite oppure pannelli naturali (ad es. perlite). Vorrei evitare che si formi condensa interstiziale.

Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-01 09:26
Se ha la possibilità stiferite sugli esterni, altrimenti sugli interno opti per calce o sughero...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ombretta Lo Manto 2019-05-24 14:53
buon giorno, altra domanda, la casa e' per meta in pietra e negli anni 90 e stata coperta esternamente da quel materiale posticcio ruvido e bruttissimo, in parte la stalla sempre negli anni passati e' stata ricostruita con i mattoni forati terribili e poi coperta dallo stesso materiale. si sono formate delle crepe, ma hanno detto che sono di assestamento, io ci sono passata con un rametto per 30 cm.
quindi cappotto esterno improbabile per il costo. pensavo di ricoprire le pareti con del legno, ma lei spiega che non ci posso mettere gli arredi a contatto? quindi i mobili li dovrò tenere spostati per quanti cm?
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-25 08:56
Se vuole appoggiarci dei mobili opti per pannelli in gesso e cellulosa o altri materiali altamente traspiranti...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Walter 2019-05-14 23:37
Buonasera Ing. Madera, devo rifare completamente il tetto del mio alloggio rendendolo coibentato e ventilato.Il sottotetto è accessibile(h. 2m.al colmo per finire a 0m.),ma non abitabile né riscaldato: posso usufruire della detrazione fiscale del 65%?La ringrazio anticipatamente per la risposta.Cordialità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-16 17:36
Si, ma deve fare la pratica legge 10, legga qui studiomadera.it/.../71-legge10 saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Isola 2019-05-12 05:46
Buongiorno, sto ristrutturando un terrattetto a schiera anni 50 con muri esterni in pietra 43 /45 cm. Il termotecnica sostiene che non C'è bisogno del cappotto ma io ho molti dubbi per problemi di condense e umidità e lo vorrei fare traspirante. Lei cosa ne pensa? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-12 11:03
Prima di tutto dove si trova l'immobile. Se vuole delle trasmittanze come le nuove abitazioni deve fare il cappotto..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ivo Chioino 2019-05-08 12:14
Buongiorno. Il mio quesito è questo: se decidessi di effettuare l'applicazione del cappotto ad una casa ristrutturata recentemente consigliate di sostituire le ardesie dei davanzali e delle piattabande o si possono giuntare. E ancora , i piedritti delle finestre e la parte inferiore del cornicione vanno isolati ? Grazie anticipatamente delle informazioni .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Andrea Mauro 2019-05-04 15:14
Buon giorno ingegnere, ho appena ricevuto un preventivo per cappotto termico esterno con pannelli in polistirene per una villetta a due livelli in Dolianova provincia di cagliari con utilizzo di ponteggio non in suolo pubblico ma sul mio giardino e rivestimento tipo intonachino colorato. il lavoro fatto a regola d'arte e certificato mi viene quantificato a 95 euro per metro quadro per una superficie totale di circa 100 metri quadri. considerando la tabella da lei illustrata, il prezzo che mi hanno proposto mi sembra esageratissimo. lei che ne pensa? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-05 18:26
Salve Andrea, chieda altri preventivi, dipende da tanti fattori..saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# leo 2019-04-29 17:53
Ciao, sono leo, voglio sapere quanto viene costare il mq dei cappotto termico da 10cm, per la detrazione dei recupero fiscale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-02 10:29
Dipende dal materiale, i prezzi al mq sono riportati nell'articolo. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Kate 2019-04-26 10:15
Buongiorno, Ingegnere, stiamo pensando al cappotto termico esterno per una villetta a schiera centrale - per fare il cappotto termico solo esterno( preferibile) e l'isolamento sottotetto ( il sottotetto non è abitabile). Il nostro dubbio: come isolare i lati ( dato che è una villetta a schiera centrale)? grazie mille!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-26 11:58
Buongiorno Cate,
se è a confine con un ambiente riscaldato, non le serve il cappotto su quella parete. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Rinaldo 2019-04-11 15:12
Buon giorno ingegnere, ho terminato lo scorso anno la ristrutturazione e la riqualificazione energetica di un immobile comunicando i fine lavori. Ora mi è rimasto di adeguare l'impianto elettrico del garage, la mia domanda era se potevo usufruire di nuovo delle detrazioni fiscali visto che si tratta di nuovi lavori.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-04-11 15:42
Deve fare una nuova pratica, saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Luigi 2019-04-10 19:36
Salve.
Se si effettua all'interno un riscaldamento a parete con la messa in opera di pannelli radianti serve il cappotto termico esterno o ci sono delle controindicazioni?.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-04-11 11:14
Salve Luigi, sono due interventi complementari. Uno agisce sull'involucro, l'altro sull'impianto. Mi spieghi meglio cosa intende...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ugo Tomassini 2019-04-09 18:11
Buonasera Ing. Madera,
stavo leggendo sul cappotto e mi sono fermato per la chiarezza e la competenza.
Faccio il cappotto su un solo lato di casa (molto freddo). Possibile fare una pratica di Manutenzione straordinaria con detrazione al 50% per legare anche la detrazione mobili? Mi sarebbe conveniente.
In questo caso, oltre alla CILA, va comunque fatta la pratica all'ENEA o questa può anche non essere fatta (dal momento che non richiederei la detrazione al 65%)?
Grazie per la risposta.
Ugo Tomassini
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# simone 2019-03-24 10:51
Buongiorno,
nella vostra tabella costi indicativi al mq, nel caso di cappotto esterno, è compresa anche la tinteggiatura dove applicato il cappotto? Oppure devo considerare un ulteriore costo per la tinteggiatura.
Grazie,
Simone
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-03-24 15:40
tra i 70 e i 100 € è incluso il tutto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# FEDERICA 2019-03-14 14:59
buongiorno
stiamo ristrutturando la nostra casa(villetta indipendente) nei lavori sono compresi ilrifacimento del tetto e nuovo cappotto
Per quanto riguarda la detrazione e' applicabile ad entrambi l 65%? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-14 18:55
Certo, si ricordi la legge 10...www.studiomadera.it/news/71-legge10
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Manuel 2019-03-10 20:48
Buonasera Egregio Ingegnere, leggo "Per la posa del cappotto, è necessaria la pratica da presentare in Comune detta CILA, a firma di un professionista abilitato (ingegnere, architetto, geometra o perito)"
Sbaglio o con l'entrata in vigore dell'edilizia libera nella quale rientrano anche le opere di "cappotto" non è più necessaria CILA e/o comunicazione di inizio lavori?
Grazie e complimenti per l'articolo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-11 09:48
Dove viene scritta questa cosa?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Manuel 2019-03-11 11:30
gazzettaufficiale.it/.../...

alla voce rivestimento interno ed esterno
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-11 11:35
Solo per riparazione, sostituzione o rinnovamento
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# paolo 2019-02-25 19:36
buonasera Egr Ingegnere ho letto il suo articolo è lo trovo molto utile ed interessante. volevo farle una domanda! abito in condominio ed avrei la possibilità di effettuare il cappotto esterno senza alterare l edificio. posso accedere alle detrazioni fiscali? a quali?
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-02-26 11:47
Buongiorno,
certo, le consiglio la detrazione al 65%
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ketty 2019-02-23 18:21
Buona sera leggo e rileg i suoi articoli e convengo con gli altri che se tutti fossero chiari come lei non la tempesteremo di domande.Io ho un' appart in un condom ad Arbatax che pur essendo in provincia di Nuoro è lontano dalle temperature di quest' ultimo.Da noi è molto caldo in estate e umido freddo in inverno. Pensavo ad un isolamento nell' intercapedine del muro invece di un cappotto esterno.Cosa ci consiglia? inoltre non abbiamo la divisione in millesimi nonostante le 20 unita'possiamo richiedere lo stesso le detraz al 70? Per la ristrutt dello stesso A lei risulta che possiamo rientrare nelle detraz 50 sia sui i materiali acquist da noi che sui lavori fatti da ad un impresa edile?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-02-24 11:01
Certo, potete chiedere il 70%. Senza millesimi, dovreste mettervi d'accordo su come dividere le quote.....per l'isolante dipende da un pò di fattori...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Valentina 2019-02-16 15:28
Egr. ing. Madera, Sto valutando ( per la presenza di Muffe diffuse sulle preti di un cucinino, dovute a ponti termici ed altri fattori) di far eseguire nel cucinino un cappotto termico in silicato di calcio, Volevo chiederle se il cappotto interno può essere applicato anche in presenza di una caldaia a muro interna, una porzione di parete a specchio, una mensola in pietro con sopra lavello, oppure senza una parete libera l'applicazione risulta troppo difficoltosa o poco efficace.
La ringrazio.
Cordiali saluti
Valentina
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-02-24 10:58
Salve Valentina,
Ottima scelta.
Dove ci sono discontinuità, si creerebbe la muffa.
Per quello che può far staccare, come la caldaia, lo faccia smontare, prima della posa.
Per la mensola non ci sono problemi.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gigi 2019-01-27 19:03
Egr. Ing. Madera, innanzitutto complimenti per la chiarezza degli articoli e per la preparazione professionale (a trovarne di tecnici così preparati...).
Abito in una casa mono-famigliare in zona vincolata (idrogeologico e non storico-culturale)... chiedo il suo parere per il seguente quesito: considerando i punti A.2 e A.6 del Allegato A (di cui all'art. 2, comma 1 del DPR 31/2017), per la realizzazione di cappotto esterno, rifacimento manto copertura con conseguente inserimento dell'isolamento e realizzazione di impianto fv, devo ricorrere all'autorizzazione della sovraintendenza ? e quali sarebbero i titoli abilitativi da richiedere (basta una cila) ? La ringrazio anticipatamente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-24 22:38
Buonasera, riguardo la realizzazione del cappotto termico perché è necessaria la presentazione della CILA? I lavori che riguardano il manto di copertura sono riportati nel glossario dei lavori in edilizia libera o sbaglio?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-22 21:49
Buonasera Egr. Ingegnere, è vero che il cappotto condominiale comporta maggiori vantaggi per i piani inferiori rispetto agli ultimi piani, che hanno dispersione dal tetto condominiale? Altra domanda...esiste la possibilità che i benefici fiscali possano essere detratti dal costo del lavoro da parte del fornitore del materiale?. Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-25 08:32
Salve, i vantaggi sono per lo più sulle pareti a nord. Naturalmente chi vive all'ultimo piano, essendo direttamente collegato alla copertura ne gioverà di più, ma indirettamente anche i piani sottostanti. Mi spiace ma non è possibile detrarre come lei dice. Buonagiornata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anonimo 2019-01-15 17:04
salve ing.
saprebbe consigliarmi una stratigrafia interna con cappotto in fibra naturale (è necessaria un'intercapedine vuota?) da inserire in un appartamento con muratura in forati a cui è stato applicato un cappotto esterno in xps sp.5 cm (insufficiente per raggiungere la U necessaria in zona E).
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# matteo raggi 2018-12-29 11:05
posso installare il cappotto esterno solo al primo piano e lasciate nudo piano terra e secondo piano?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-21 08:35
Buonasera Ing. Vincenzo,
Io vorrei fare il cappotto esterno di una villa sita in provincia di Como costruita nel 2000 di 211mq disposta su 3 livelli fuori terra. Volevo sapere che tipo di materiale conviene utilizzare e quanto mi verrebbe a costare. Ovviamente vorrei aprire una pratica di ristrutturazione.
Cordiali Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-21 09:10
Dipende dove lo posiziona...se sugli esterni, EPS e XPS sono i più economici, se opta per il naturale direi legno....per il costo si aiuti con la tabella dell'articolo..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-17 16:46
Buonasera Ing.Vincenzo abito in una villetta a schiera ed ero intenzionato a fare una coibentazione o cappotto sulle pareti interne visto che sopra c'e' un'altra famiglia e non vorrei farlo totale all' esterno. Potrei farlo internamente solo sulla pareti che sono perimetrali a contatto con quelle esterne? C'e' comunque un miglioramento termico? Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-17 19:25
Il miglioramento c'è, ma stia attento al materiale usato. Necessita di relazione legge 10 e dovrà ottenere determinate trasmittanze per ottenere la detrazione....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Andrea 2018-12-09 15:15
Buonasera,
dovrei acquistare un rustico di 400 m^2.
probabilmente bisognerà fare il cappotto.
che lavori dovrei eseguire prima di fare il cappotto?
grazoe,
Andrea
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-12-10 19:59
forse non mi è chiara la domanda....intende dire se contattare un tecnico o il ponteggio: comunque ha bisogno della legge 10 e della pratica in comune, CILA. Poi dovrà far montare un ponteggio....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Andrea 2018-12-10 22:03
Buonasera,
no, tecnicamente vorrei sapere che lavori dovrei fare sulle facciate esterne o perlomeno in che condizioni dovrebbero essere per poter fare il cappotto?
grazie,
Andrea
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-08 15:52
Buongiorno, a marzo ho fatto il cappotto interno con poliuretano e cartongesso sulle pareti di due camere (il pittore che ha eseguito i lavori, ora che debbo fare comunicazione a Enea, mi ha detto di aver coperto per 33 mq.). Io non ho fatto fare alcuna asseverazione all'epoca dei lavori. Posso fare autocertificazione? Ho il dubbio di non aver fatto tutto correttamente. Devo rinunciare a chiedere il 50% per ristutturazione edilizia? Sono ancora in tempo per fare la procedura corretta? mia e-mail
Grazie per il cortese riscontro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-12-08 19:15
Ha fatto la legge...perche° era obbligatoria
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Vincenza 2018-11-19 15:10
L'intero fabbricato condominiale è stato isolato con lastre isolanti in EPS 100 spessore cm 10, a distanza di otto mesi dall'ultimazione dei lavori sulle pareti a nord del fabbricato sono comparse delle strisce di umidità? Cosa significa, l'impresa riferisce che è un fattore temporaneo dovuto alle piogge e umidità, il problema, dice, si risolverà non appena il clima diventerà asciutto......
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-19 17:35
Salve Vincenza, in teoria dovevano evitare ciò. Potrebbe essere della condensa rimasta nel muro. Contatti il direttore lavori al più presto!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

     vincenzo madera                    

Autore: Vincenzo Madera - Ingegnere

 facebook   linkedin

Laureato all'Università degli Studi di Firenze.

Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. 

Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter

Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè. 

 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo