CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA CIS: cos'è, guida e costi 2019

Certificato di idoneità statica CIS: cos'è, costi, guida, quando è obbligatorio, quali sono le verifiche da eseguire e a chi rivolgersi.

certificato di idoneità statica edificio

Ultimamente, è tornato di moda il certificato di idoneità statica, specialmente per i residenti di Milano. Difatti, l'art. 11 del regolamento edilizio ha introdotto l’obbligo per tutti gli edifici che hanno 50 anni di vita, di effettuare dei controlli sia sulla idoneità statica delle parti strutturali dell’edificio, sia sulle parti secondarie e accessorie. Ma vediamo in dettaglio di cosi si tratta:

 

 

Che cos'è il certificato di idoneità statica di un edificio? 

Il certificato di idoneità statica di un edificio è un documento, redatto ai sensi dei DD.MM. 15/05/1985 e 20/09/1985, che attesta le condizioni di sicurezza delle strutture portanti di un fabbricato, secondo le norme in vigore al momento della costruzione.

Si tratta di uno dei documenti che vengono richiesti ai fini del rilascio dell’agibilità (vedi approfondimento), quando per un fabbricato non esiste o non è reperibile il certificato di collaudo statico ai sensi della Legge 1086/71. Un altro ambito, in cui è spesso richiesto, è il perfezionamento di una domanda di condono edilizio (sanatorie ex L. 47/85.). Nel secondo caso, è previsto il deposito al Genio Civile, a differenza del primo.

Per gli immobili realizzati ante '67 naturalmente non è richiesto, in quanto non erano previste normative di tipo "strutturale" all'epoca.

Oggi, anche il Comune di Milano richiede il Cis per tutti gli immobili con più di 50 anni di vita. A mio parere, se utilizzata correttamente, questa parte di regolamento potrebbe essere uno strumento molto valido per la prevenzione dei dissesti.

Ma vediamo qual è il contenuto di questo certificato:

Quali sono i contenuti del certificato di idoneità statica?

In genere, il CIS è diviso in paragrafi:

  • Descrizione immobile: all'interno di questo paragrafo, il professionista dovrà individuare l'edificio ed elencare tutte le caratteristiche utili ad inquadrare lo stabile. 

  • Acquisizioni preliminari: Il tecnico incaricato dovrà preliminarmente acquisire la documentazione progettuale presente in Comune al fine di ricostruire la storia dell'edificio. Vecchi Permessi di Costruire, DIA, Cila, Autorizzazioni, Concessioni edilizie etc.

  • Caratterizzazione dei materiali: per conseguire un’adeguata conoscenza delle caratteristiche dei materiali e del loro degrado, il professionista si dovrà basare sulla documentazione già disponibile, su verifiche visive in situ e su indagini sperimentali. Le indagini dovranno essere motivate, per tipo e quantità. Ove non siano disponibili certificati di prove sui materiali impiegati, oppure i certificati siano in numero insufficiente a valutare la resistenza, dovrà eseguire indagini complementari. Una volta fatto ciò, il valore della resistenza determinata dovrà confrontarlo con la resistenza prevista nella relazione di calcolo dell'epoca, qualora presente, o,  con i valori delle norme vigenti al momento di realizzazione dell’opera.

  • Prove di carico e verifiche statiche: le indagini di cui al paragrafo precedente potranno essere integrate, a giudizio del tecnico incaricato, con prove di carico. Ad esempio, il professionista potrebbe richiedere la prova di carico su solaio per determinare la resistenza e la risposta elastica mediante la valutazione degli abbassamenti. Dovrà simulare le massime sollecitazioni possibili in accordo con i carichi di esercizio. Questo avviene riempiendo dei serbatoi d’acqua come in figura.

prove di carico e verifiche statiche

  • dichiarazione di idoneità statica: finalmente, dopo aver effettuato i calcoli, il tecnico dichiarerà la struttura idonea dal punto di vista statico.

Il modello pdf potrebbe esserti utile per capire meglio di cosa si tratta.

Quali sono le verifiche da eseguire?

Il tecnico dovrà studiare la geometria del fabbricato, conoscere l’epoca di costruzione a cui risale e tutti gli interventi, da cui è stato interessato nel corso degli anni, come modifiche, sopraelevazioni ed ampliamenti. Dovrà compiere, poi, in sito, una serie di indagini, per conoscere le condizioni del terreno di fondazione, avvalendosi eventualmente della consulenza di un geologo, esaminare i materiali delle strutture e valutarne le resistenze.

Per prima cosa, quindi, bisognerà analizzare il tipo di strutture portanti che caratterizzano il fabbricato, che potranno essere in cemento armato, muratura, acciaio, legno o strutture miste. Il tecnico dovrà esaminare l’eventuale quadro fessurativo presente, verificando se sono presenti fessurazioni, lesioni, assestamenti strutturali. Tutti elementi che possono essere indice di un eventuale dissesto presente.  

In definitiva dovrà certificare sotto la propria responsabilità che le strutture non presentano evidenti vizi o difetti costruttivi, lesioni, dissesti o cedimenti fondali, che pregiudichino lo stato del fabbricato, e che l’immobile: 

− possiede fondazioni in grado di sopportare i carichi ed i sovraccarichi in relazione alle caratteristiche fisiche e meccaniche del terreno;

− possiede strutture in elevazione in grado di reggere i carichi ed i sovraccarichi previsti dalle normative di settore;

− possiede orizzontamenti in grado di reggere i carichi ed i sovraccarichi previsti dalla normativa di settore;

− è staticamente idoneo per l’uso al quale è destinato.

Nel caso in cui ci fossero in atto dissesti, cedimenti o ci fosse il pericolo che si manifestino, il professionista dovrà indicare gli interventi di rinforzo o di adeguamento antisismico.

Ma chi sono questi professionisti?

A chi rivolgersi? Chi può redigere il certificato di idoneità sismica?

Per ottenere questo documento è necessario rivolgersi ad un professionista, in genere ingegnere civile o edile specializzato in strutture, iscritto al proprio ordine professionale. A differenza del collaudo statico, per la redazione del quale è richiesto che il professionista sia iscritto all'albo da almeno 10 anni, per la dichiarazione di idoneità statica, non ci sono limiti. Per il certificato di idoneità statica non occorre alcuna anzianità di iscrizione all'albo.

Quali sono i costi del certificato di idoneità statica di un tecnico (parcella)?

I costi dipendono dalla tipologia, dalle condizioni, dall'estensione e dal luogo dove è situato l'immobile. Proverò comunque a darti un ordine di grandezza. Prendiamo ad esempio una villetta bifamiliare anni '70 in buono stato strutturale e che non necessita di approfondimenti, se non di qualche saggio. Un giusto prezzo per il certificato potrebbe aggirarsi attorno ai 2.000 € / 3.000 €, escluso Iva e oneri. Per un condominio di una ventina di appartamenti, anche sui 10.000 €.  E' un prezzo indicativo, ogni caso necessita di approfondimenti.

Considera anche le spese che si rendessero necessarie per le prove di carico. Ad esempio, una prova di carico su solaio potrebbe costarti intorno ai 1.000 €. Oppure, qualora le fondazioni risultassero sottodimensionate, dovresti sobbarcarti questi costi.

Insomma, come avrai capito non è affatto semplice valutare la spesa a cui andrai incontro. Ma la sicurezza non ha valore.

Spero che l'articolo ti sia stato utile. Vincenzo

 

Potrai ottenere un preventivo gratuito via mail contattandoci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure via telefono al 347 277 85 86. La sede dello studio è a Firenze, ma operiamo su  Prato, Pistoia, Siena, Arezzo, Livorno, Grosseto, Bologna, Pisa, Massa Carrara e Lucca.

Aggiungi commento


Commenti  
# mauro 2019-10-01 14:20
Salve,
ho un appartamento al 2° piano con terrazzo di 120 mq. su una palazzina di 6 piani , il terrazzo è anche la copertura dell'appartamento sottostante. Sino ad ora è stata utilizzata come stendibiancheria e sono presenti sin dalla nascita dello stabile (1958), 12 fioriere in cemento da L 1400mm x H 300mm x P 25mm.
Ora vorrei piastrellare la pavimentazione del terrazzo che è composta da una gettata di cemento ricoperta da una guaina catramata.
Posso pavimentarla con un autolivellante in resina e incollarci sopra delle piastrelle che pesano circa 20kg x mq? ... o devo eseguire delle prove statiche o altro?
grazie per l'eventuale risposta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-10-02 10:51
Beh direi di si...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudia 2019-09-09 16:59
Buongiorno, ho acquistato attico al 6 piano da ristrutturare che risale al 1965. Sul terrazzo c'è una struttura di ferro aperta sui lati e ricoperta da un tendaggio. Solo il primo metro a contatto dell'appartamento è coperto. Tale manufatto risale a prima del 1970. Ora il geom. che dovrebbe seguire i lavori di
ristrutturazione continua ad insistere dicendo che dobbiamo togliere tutta la struttura in quanto Per l' agibilità serve la dichiarazione di idoneità statica. È vero o il geom è troppo pignolo? Dobbiamo unicamente presentate una Cila per lavori interni. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-09-10 09:17
Ha ragione. Se non è dichiarato sulle piante è abusivo, e per sanarlo occorre l'idoneità. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Silvia 2019-08-09 12:34
Buongiorno, ho aperto una pratica di ristrutturazione con scia per agibilità. Tra gli interventi c'è l'allungamento di circa 1,5m di un poggiolo già esistente. L'ufficio tecnico comunale ha richiesto relazione statica della nuova parte del poggiolo.
Le chiedo: è una richiesta usuale oppure è un'integrazione richiesta un po' "pignola"? grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Vincenzo Madera 2019-08-10 14:11
Slave Silvia,
a norma di legge tutto ciò che è strutturale deve essere certificato...ogni comune ragiona in modo differente purtroppo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Pierov 2019-07-20 19:22
Articolo b
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# walter cossi 2019-06-17 17:54
buonasera
volevo rivolgere una domanda riguardo il CIS e obbligatorio
per il solo comune di Milano o per tutta Italia per edifici
che hanno compiuto 50 anni?
cordiali saluti
Walter Cossi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-06-18 11:11
E' una normativa locale. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Claudia 2019-05-15 01:05
Condono del 2004 per cambio destinazione d'uso in residenziale, permesso di costruire in sanatoria nel 2006... domanda: è possibile che sia stato rilasciato quest'ultimo in mancanza di CIS???
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alberto 2019-04-10 15:43
Buongiorno ingegnere
Abito in un condominio a Milano e l'amministratore ritiene necessario fare eseguire il CIS in quanto richiesto dal Comune di Milano su case costruite prima di 50 anni fa.
Sapevo che la norma è ritenuta illegittima ed è stata impugnata al TAR ma non ho trovato l'esito del ricorso.
Lei ne sa qualcosa di più?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# olimpia 2019-04-05 18:17
Milano in caso di compravendita a maggio a chi spetta pagare il Cis al venditore o all'acquirente se in assemblea è stato posto all'ordine del giorno , ma non deliberato in quanto rimandato in data successiva
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-08 08:48
Salve Olimpio, chieda ad un avvocato. Non vorrei dirLe cose sbagliate.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cecilia 2019-09-17 19:14
Buongiorno avrei bisogno di un’informazione sul CIS, ho ristrutturato il mio appartamento, senza intaccare la struttura, sono stato rimossi i pavimenti pareti non portanti.
Il peso delle delle macerie e Il vibrazioni per la rimozione di pavimenti e intonaco e ha causato al soffitto del piano di sotto in casa di mia zia delle micro crepe di intonaco. Adesso vorrebbe una certificazione di stabilità che sostiene che il pavimento non crolli. Putrelle e tavolati non sono stati toccati.anzi sopra la putrella e tavolato è stata messa una rete elettrosaldata e un massetto con leca leggera e infine le piastrelle.
Cosa potrebbe costare e ha validità?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-27 10:21
Buongiorno, ho una domanda per voi : mi trovo a Roma in un piccolo condominio che ha recentemente visto trasformare i lavatoi sopra il mio appartamento e quello dell'attiguo vicino in altrettanti appartamenti completi e già abitati. Come posso verificare che le cose siano state fatte in regola? Ovvero che esista un collaudo riguardante la buona salute della struttura anzi, delle strutture?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marco 2019-01-20 12:13
Una domanda avendo il comune installato un dosso artificiale nei pressi dell abitazione adesso sono soggetto da continue scosse per il passaggio di mezzi pubblici pesanti a chi ci si può rivolgere per avere un monitoraggio di tali scosse si modo che uno volendo può fare causa al comune per eventuali danni causati da le continue scosse. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Fabiola 2018-12-13 13:30
Buongiorno Ing.
Nel momento in qui verrà redatta, da un professionista questa conformità statica, chi avrà il compito di verificarne la veridicità della stessa?
Grazie e buon lavoro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-15 12:18
MI SCUSI INGEGNERE. IL CERTIFICATO DI IDONEITA' STATICA E' SINONIMO DI PROVA DI CARICO ? GRAZIE
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-15 20:24
Assolutamente no. O meglio, possono essere richieste le prove di carico per l'ottenimento del certificato di idoneità statico
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-08 10:17
Mi scusi, quale riferimento normativo consente di presentare il CIS "ai fini del rilascio dell’agibilità (vedi approfondimento), quando per un fabbricato non esiste o non è reperibile il certificato di collaudo statico ai sensi della Legge 1086/71". Che io sappia vale solo per i condoni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# gabriele 2017-11-14 15:31
In merito a quanto riportato
"− possiede fondazioni in grado di sopportare i carichi ed i sovraccarichi in relazione alle caratteristiche fisiche e meccaniche del terreno;
− possiede strutture in elevazione in grado di reggere i carichi ed i sovraccarichi previsti dalle normative di settore;
− possiede orizzontamenti in grado di reggere i carichi ed i sovraccarichi previsti dalla normativa di settore;
− è staticamente idoneo per l’uso al quale è destinato."
non risulta ben chiaro a quale tipo di normativa ci si debba riferire per l'identificazione dei carichi, sovraccarichi ed eventualmente altre sollecitazioni a cui le strutture debbano essere verificate.
E' possibile chiarire?
Grazie, Gabriele
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Chi sono: Vincenzo Madera - Ingegnere laureato all'Università degli Studi di Firenze. Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter. Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè, Bei e Nannini, Novaservice. 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo