Nell'articolo cercherò di darti un'idea sul preventivo e il costo di un ingegnere, geometra o architetto (compenso in parcella) in una ristrutturazione privata per interni ed esterni. Indicherò quali sono i prezzi e le percentuali per un affidamento di incarico.

parcella compenso geometra architetto

Se sei alle prese con una ristrutturazione, quasi certamente dovrai o vorrai affidarti ad un tecnico, sia esso un architetto, ingegnere o geometra. A mio parere, la scelta del tecnico è cruciale per il buon esito della ristrutturazione. Pensa ad un tecnico poco competente o poco presente. Oltre a non rispondere alle tue richieste e a non controllare l'impresa, potrebbe causare dei guai dal punto di vista burocratico e urbanistico. Ad esempio, potrebbe farti realizzare degli abusi o delle opere non ammesse dal regolamento edilizio.

Spesso, questi tecnici presentano dei preventivi a prezzi stracciati. Se ti ritroverai di fronte a preventivi troppo bassi, questi devono essere un campanello d'allarme, scartali a priori. Per sbarcare il lunario, questi professionisti, dovranno essere superficiali, poco presenti e pressapochisti. Proprio per questo ho voluto segnalarti i prezzi e e le parcelle medie dei tecnici.

Ma partiamo cercando di capire le differenze tra le varie figure: in passato, architetto, geometra e ingegnere svolgevano ruoli ben distinti. Ad oggi, le competenze di queste tre figure si confondono. In linea di principio, l'architetto ha una formazione maggiormente improntata sull'estetica e il design, mentre l'ingegnere più tecnica. Il geometra ha buone conoscenze burocratiche ed amministrative. Ma non è sempre così!!! Inoltre, non è detto che un ingegnere sia più competente di un geometra, o che un architetto costi di più di un ingegnere o di un geometra.

Una cosa è sicura, se dovessi intervenire su parti strutturali, visti gli studi, contatterei un ingegnere, mentre, se volessi prestare particolare attenzione all'aspetto estetico chiamerei un architetto d'interni.

Un consiglio, assicurati che in passato il tecnico abbia già realizzato delle opere simili a quelle che ti appresti a realizzare. Chiedi di poter visionare i suoi progetti passati.

Prima di indicarti i costi, vorrei segnalarti quali sono le prestazioni che devono svolgere i professionisti in una ristrutturazione. Il tecnico durante la prima fase, detta progettazione, sulla base delle tue rihcieste, "definirà su carta" le caratteristiche che dovrà avere il tuo immobile e sbrigherà le pratiche urbanistiche, strutturali ed impiantistiche. Durante la seconda fase, detta direzione lavori, il tecnico controllerà che le opere rispettino il progetto. Ma vediamo in dettaglio i compiti legati alla progettazione:

In cosa consiste la  progettazione?

Premetto che non tutti i compiti che ti elencherò sono necessari o obbligatori. Dipende dal grado di complessità della ristrutturazione. Se rifai un bagno, non ci sarà bisogno di richiedere ad un tecnico tutti questi incartamenti.

A mio parere, la progettazione, è la fase più importante. L'idea che si traduce in progetto e che si riporta su carta. Per realizzare un buon progetto, il tecnico dovrà seguire questo iter:

1. Sopralluogo preliminare, rilievo di dettaglio dell'immobile e restituzione grafica. Ti puoi accorgere della bontà di un tecnico anche da questa fase. Ad esempio, un rilievo di una casa di 100 mq non può essere realizzato in meno di tre ore. Addirittura, ci sono tecnici che si basano sulla sola planimetria catastale e non realizzano nemmeno il rilievo. Errore grossolano che comporterà problemi in sede di cantiere e in futuro per eventuali incongruenze tra gli elaborati depositati in Comune e la realtà.

 

2. ricerca e prelievo della documentazione tecnica relativa all'immobile presso il catasto (visura, planimetria) e l’archivio comunale (concessione edilizia, licenza edilizia, permesso di costruire, Dia, Scia, Cila). In pratica, tutte le pratiche che hanno interessato l'immobile in passato.

 

3. verifica della conformità urbanistica e catastale dell'unità immobiliare e dei requisiti urbanistico-edilizi. In pratica, controllerà eventuali abusi presenti sul tuto immobile. Non è raro incappare in queste difformità, in quanto, a volte si realizzano opere per cui non si ritiene di dover presentare un permesso.

 

4. progettazione preliminare. In questa fase, il tecnico ti presenterà le proposte di ridistribuzione degli ambienti o degli arredi.

 

5. verifica della fattibilità dal punto di vista urbanistico e strutturale dell’intervento scelto. Dopo aver scelto un progetto, il tecnico verificherà che rispetti tutte le prescrizioni del regolamento edilizio comunale e le norme nazionali.

 

6. progettazione esecutiva dell'intervento. In questa fase si affinano i dettagli da consegnare al capo cantiere.

7. redazione del computo metrico e del contratto d'appalto. Per scongiurare e ridurre al massimo gli imprevisti, consiglio sempre di far realizzare al professionista un computo metrico e un capitolato, che diventeranno il preventivo da far firmare alla ditta. Consiglio questi documenti anche per piccoli interventi. Ma cosa sono?

Computo metrico: è un documento che consente di stimare il costo per l’esecuzione di lavori edili. Costituito dalle descrizioni degli interventi, dalle quantità e dai prezzi unitari. Moltiplicando le quantità per i prezzi unitari otterremo i totali parziali, che a loro volta, verranno sommati per dare il costo totale della ristrutturazione. Questo documento viene preparato dal professionista che lo consegnerà alle imprese contattate, le quali prezzeranno le varie voci e calcoleranno il totale della spesa.

Capitolato e contratto d'appalto: è un documento che regola i rapporti fra chi ristruttura (committente) e l'impresa esecutrice dei lavori, fissando le condizioni amministrative e le prescrizioni tecniche per ottenere una esecuzione dei lavori perfetta. Sono le regole per evitare "incomprensioni"...Ti lascio il link al modello di contratto d'appalto che faccio firmare alle imprese dei miei cantieri, in word così che tu possa modificarlo. E' un pò più corposo rispetto agli altri, ma preferisco puntualizzare tutto. Clicca qui per scaricarlo.

 

9. compilazione ed inoltro telematico della pratica edilizia. Semplificando al massimo avrai bisogno della CILA nel caso di opere non strutturali, SCIA nel caso di opere strutturali "leggere" o di cambio di destinazione d'uso o Permesso di costruire, nel caso di nuove costruzioni o ampliamenti.

Per quanto riguarda la progettazione impiantistica (impianto elettrico, riscaldamento e idraulico) e strutturale, le fasi sono simili. Si parte dal sopralluogo e dalle tue richieste, per poi passare ai calcoli. Si termina con l'inoltro delle pratiche agli organi preposti.

Nel caso in cui in una ristrutturazione fosse presente più di una impresa, dovrai avvalerti anche di un coordinatore per la sicurezza sui cantieri. Leggi questo articolo per approfondire.

Infine, duranti i lavori, potrebbero insorgere degli imprevisti o più semplicemente delle richieste di modifica del progetto. In alcuni casi, il tecnico dovrà depositare una modifica al progetto, detta variante

Ora che sai in cosa consiste la progettazione, passiamo al cantiere:

In cosa consiste la direzione lavori?

A mio parere, la direzione lavori è un compito delicato che richiede esperienza e fermezza. Nel cantiere, senza voler demonizzare le imprese, bisogna prestare attenzione ad ogni dettaglio ed essere intransigenti. Per fare questo, il direttore lavori, deve rispettare dei compiti precisi:

  • controllare e vigilare sui lavori. In pratica, deve verifica che le opere vengano eseguite a regola d’arte ed in conformità al progetto e al contratto d'appalto;

  • coordinare le attività di cantiere. Il tecnico deve interloquire con gli esecutori delle opere, siano essi muratori, idraulici, elettricisti, posatori di parquet e coordinare le varie fasi.

  • accettare i materiali e le forniture, sulla base anche del controllo quantitativo e qualitativo. Dovrà controllare circa i certificati di qualità.

  • verifica periodica del possesso e della regolarità da parte dell'esecutore della documentazione prevista dalle leggi. I lavorati del cantiere devono rispettare degli obblighi dal punto di vista della contribuzione Inps, dell'iscrizione alla camera di commercio e dei dispositivi di protezione individuale da utilizzare per evitare incidenti sul cantiere.

  • coordinamento dei fornitori. Il direttore lavori si occupa della gestione dei rifornimenti in cantiere. Inoltre, dovrà valutare e indicarti i tempi di acquisto delle varie forniture che acquisterai in prima persona.

  • sospensione dei lavori, qualora circostanze speciali impediscano in via temporanea che i lavori procedano;

  • contabilità e mandati di pagamento. Controllerà i lavori eseguiti, calcolerà le spesa da doverti addebitare e ti darà il via libera per il pagamento.

Dal punto di vista burocratico, l'operazione si concluderà con la fine lavori e l'aggiornamento catastale per allineare la parte fiscale.

Ora che conosci quali lavori dovranno espletare i tecnici, focalizziamoci sulla loro parcella:

Qual è il costo di un tecnico e le voci in percentuale della sua parcella?

Di solito, i professionisti, nelle ristrutturazioni "importanti", prevedono come corrispettivo una percentuale sull'importo dei lavori.

È difficile facciano un preventivo ad ore, tipico delle consulenze. Nella tabella cercherò di fornirti le percentuali medie adottate dai professionisti per la progettazione architettonica, la progettazione strutturale, la progettazione impiantistica, la progettazione energetica, la sicurezza, l'interior design e la direzione lavori.

Prestazioni 

Percentuale

sull'importo lavori

 

 Progettazione architettonica

 2 / 3 % del costo dell'opera

Progettazione strutturale (ingegnere) 

variabile a seconda dell'intervento

Progettazione impiantistica

variabile a seconda dell'impianto

Progettazione energetica

2 % 

Interior Design

variabile

 Direzione lavori architettonica

4 / 6 % delle opere edili e architettoniche

Direzione lavori strutturali

4 / 6 % delle opere strutturali

 

A tutto ciò andranno aggiunte le spese di viaggio, l'iva al 22% e la cassa previdenziale, Inarcassa per gli ingegneri e gli architetti e cassa dei geometri per i geometri, nella misura del 4%.

Per opere minori e/o interventi isolati, quale ad esempio la demolizione di un tramezzo, il rifacimento del bagno, l'apertura di una porta, il rifacimento dell'impianto elettrico o di riscaldamento, il prezzo è a corpo e fisso. Esempio, pratica cila euro 600, pratica catastale euro 400, direzione lavori euro 500..

Per farti capire meglio, posto un esempio generico:

Esempio di preventivo di un ingegnere, architetto e geometra:

Immagina di dover ristrutturare la tua casa che ha una superficie netta di 100 mq, è situata nella magnifica Toscana e realizzata con finiture standard.

La ristrutturazione prevede la tinteggiatura dell'intero appartamento, l'acquisto e il montaggio dei mobili con il progetto dell'interior designer, la ristrutturazione del bagno, l'apertura di una porta in muro portante tramite cerchiatura, il rifacimento del solaio con la sostituzione delle piastrelle del pavimento in una sola stanza, il rifacimento dell'impianto elettrico e di riscaldamento, oltre alla sostituzione di 5 finestre.

Totale costo 49.000 € di cui:

  • Tinteggiatura, posa e fornitura pavimento, ristrutturazione bagno, e sostituzione di 5 finestre 10.000 €;

  • Fornitura e montaggio mobili (cucina, camere e bagno) 20.000 €;

  • Opere strutturali (cerchiatura e solaio) 7000 €;

  • Impianto elettrico e riscaldamento 12.000 €;

Il costo dei professionisti sarà di circa:

  • Progettazione architettonica e catastale: 1.470 € (geometra, architetto o ingegnere) dato dal 3% di 49.000 €;

  • Interior design: 1.200 € (architetto);

  • Progettazione e direzione lavori Strutturale: 1.300 € (ingegnere) prezzo fisso;

  • Progettazione energetica (legge 10): 500 € prezzo fisso;

  • Direzione lavori arhitettonica: 1.960 € (geometra o architetto e ingegnere, in quanto si realizzano opere strutturali) dato dal 4% di 49.000 €;

Totale circa 6.430 €

Vista l'importanza dell'investimento, consiglio sempre di richiedere un preventivo al professionista per evitare spiacevoli sorprese!!

Importante: la forma scritta (preventivo) è l’unica forma di contratto che tutela sia il professionista che il committente in caso di contenzioso.

Spero che l'articolo ti sia stato utile e che la tua casa venga come tu desideri. Vincenzo

Aggiungi commento


Commenti  
# Carmelo 2019-04-06 12:30
Salve. Sono proprietario di un appartamento in un condominio per il quale è stata deliberata la ristrutturazione dei balconi e delle facciate per un importo complessivo di circa 200.000 euro.
E' stata assegnata la direzione dei lavori ad un tecnico per il quale è stato accordato un compenso del 5% dell'importo complessivo dei lavori.

Ora lo stesso tecnico richiede 1.500,00 + iva + Cp per la presentazione della CILA.
Volevo chiedere: ma questo onere non è già ricompreso nel 5% della direzione lavori ?
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-08 08:45
No, è a parte. Ma può far fare altri preventivi...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marina 2019-04-08 10:19
Buongiorno. Ho ricevuto il link a questa risposta che però non mi pare riguardi la mia domanda. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marina 2019-04-05 16:05
Buonasera.
L'ingegnere che dovrebbe seguire la ristrutturazione della nostra casa ci ha consigliato di eseguire un test per la classificazione sismica, preliminare a lavori di miglioramento. Oltre al costo della Ditta (circa 1600) ci ha chiesto però anche di pagargli quasi altrettanto per l'assistenza al test è per la lettura del risultato. Queste voci sono effettivamente DOVUTE? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Martino 2019-03-28 10:54
Buongiorno Ingegnere, Gradirei conoscere una sua indicazione su quale potrebbe essere un equo compenso per questa consulenza.
FRAZIONAMENTO IMMOBILE PREESISTENTE IN DUE UNITA’ IMMOBILIARI: CON CILA E DOCFA.
Richiesta di PERMESSO DI COSTRUIRE ai sensi dell’art. 20, d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380; AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA ORDINARIA ai sensi dell’art. 146 del Dlgs 42/2004; NULLA-OSTA PNCVD AI SENSI DELL’ART. 13 LEGGE 394/91; SVINCOLO IDROGEOLOGICO- Con relazione geologica
DENUNCIA DEI LAVORI PER AUTORIZZAZIONE SISMICA, DEPOSITO SISMICO E ATTESTAZIONE DI
RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO (sismabonus).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Madera 2019-03-28 11:46
Salve Martino, essendo una pratica "complicata" bisogna studiare la situazione per un preventivo.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# rossella 2019-03-04 22:14
Buonasera, devo fare un preventivo per dei lavori di ristrutturazione che seguirò a partire dal progetto preliminare, alla direzione lavori, al progetto d'arredo. Mi chiedevo..come calcolare il compenso della progettazione in percentuale non conoscendo ancora l'importa dei lavori? I clienti hanno un'idea di massima ma il reale importo dipenderà proprio dal mio progetto e dal preventivo dell'impresa successivo al mio computo. Come stabilire prima il mio compenso? Spero di essere stata chiara, grazie mille. R.C.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-05 08:33
Quando non conosco le lavorazioni che verranno realmente poste in essere, faccio un preventivo a percentuale. Segui le percentuali indicate...
Se hai dei dubbi fornisci il preventivo successivamente....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco 2019-02-23 18:16
Buonasera, ho fatto un preventivo per la demolizione e ricostruzione di fabbricato di 145mq con la progettazione di 3 piani fuori terra ma per adesso solo piano terra con copertura solo momentanea della terrazza con pannelli isotec. Il tecnico geometra con un ing per rilievi e studio preliminare,progettazione, presentazione e rilascio documenti progetto, calcolo nulla osta G.C., direzione lavori, collaudo opera strutturale,variazioni catastale e agibilità e certificato agibilità euro 19'000 compreso iva al 10% e cassa, mi sembra un po' esagerato cosa mi consiglia Ing ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-02-24 10:52
Salve Francesco,
sulle parcelle dei colleghi non rilascio commenti...
Faccia dei calcoli considerando le percentuali a monte....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco 2019-02-24 13:20
Capisco, volevo solo capire se sono in linea o stanno approfittando della mia inesperienza.Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Manuela 2019-02-21 11:15
Salve vorrei chiedere un chiarimento devo ristrutturare il mio appartamento rifacimento pavimenti, impianti elettrici e idraulici sostituzioni infissi e porte interne... devo chiedere permessi oppure rientrano nei lavori ordinari? Credo che ci voglia sempre un coordinatore...
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-02-21 11:57
Ciao Manuela,
qui viene chiarito tutto
www.studiomadera.it/.../
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maya 2019-02-01 06:17
Buongiorno mi hanno proposto una percentuale del 5% per la direzione dei lavori sulle spese di ristrutturazione. Vorrei sapere se è accettabile.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-02-07 21:52
Maya, percentuale in linea con la media di mercato
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ida 2019-01-22 11:23
Buongiorno,
ho chiesto due preventivi a due diversi professionisti per la ristrutturazione della casa di mia mamma, che includessero la loro prestazione e i costi di una ditta di loro fiducia per realizzarla. Dopo mesi di riflessioni ho scelto uno dei due e comunicato la mia decisione all'altro, che però ora mi chiede 2300 euro per il lavoro fatto finora (due rilievi e una planimetria) e minaccia di rivolgersi all'ordine degli architetti per far giustizia. Premetto che non ho ovviamente firmato nulla, nè notula professionale nè preventivo della ditta e che ho detto sin dall'inizio ad entrambi i professionisti che avrei chiesto più preventivi. Come procedo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alberto Casagrande 2019-01-11 16:35
Salve. A queste percentuali, comunque sia, va sempre aggiunta la prestazione che riguarda l'ottenere l'autorizzazione edilizia presso il comune di competenza. Permesso di costruire, scia o similari. La quale è una sua incidenza mica da poco..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# E. B. 2019-01-10 18:40
Buongiorno, sto iniziando delle pratiche di progettazione per ristrutturare ed ampliare un immobile di mia proprietà. Nella trattativa con l'architetto che mi segue per calcolare le sue spettanze mi sono accordato di applicare una percentuale fissa all'importo dei lavori che andremo ad eseguire. Su questa però è nata una piccola disputa in merito alla base di calcolo sulla quale applicare la percentuale. In sostanza questi sostiene che si debba prendere il totale fattura dei vari artigiani comprensivo pertanto di iva e calcolare su questi il suo compenso. Io sono di parere opposto cioè di prendere come base di calcolo il solo imponibile al netto iva. Quale è la prassi corretta ? vi sono differenze se il professionista fattura ad un privato oppure ad una azienda? grazie E.B.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alberto Casagrande 2019-01-11 16:40
Ha ragione Lei, l'iva non è un valore di prestazione tecnica...la percentuale va calcolata sul valore delle opere eseguite...e non ivate da imposte statali. E' lampante e ovvio che deve essere così. saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-29 07:59
Buongiorno, sono in procinto di ristrutturare una casa di superficie totale di 500 mq da dividere in due appartamenti con costruzione di una nuova scala interna. Lo studio di architettura ha proposto una ristrutturazione con un costo di 1000 €/mq e una percentuale per la direzione dei lavori, esclusa la progettazione degli impianti termici e delle opere strutturali, del 5% sulle spese di ristrutturazione. Vorrei sapere se le sembra una richiesta equa.
Grazie
A.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-12-22 19:29
Buonasera
Volevo chiedere un parere su un caso un po’ particolare che mi è successo.
Per la sola progettazione architettonica per la realizzazione di due villette (stima costi 400.000 euro) con incluso permesso di costruire approvato l’architetto mi ha chiesto 45.000 euro, SOLO PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA.
Purtroppo non abbiamo fatto un preventivo e non ci eravamo accordati prima. A permesso ottenuto mi ha presentato una parcella a ore di questa cifra.

Ho provato a contestare il prezzo ma mi è stato detto che visto che il progetto è stato fatto due volte data una prima bocciatura il prezzo non era negoziabile.

Mi hanno carico 35 euro l’ora...

Dato che non era stato firmato nessun preventivo, si può fare qualcosa per cercare di ridurre il prezzo?

Questo ingegnere non era tenuto a informarmi prima di mandarmi il conto?

Avendo firmato il permesso di costruire avrò bisogno di lui anche a fine lavori?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-24 11:40
Salve Paolo,
il preventivo è fondamentale in edilizia. Ogni minima spesa deve essere accompagnata da computo e preventivo. Sul prezzo degli altri tecnici preferisco non espormi. Se non la ritiene giusta deve contattare un avvocato o al limite trattare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-12-24 11:50
Molte grazie Ingegnere.
Purtroppo non avendo chiesto un preventivo mi trovo in una situazione complicata.
All’interno dell’ordine non c’è una regolamentazione a tale proposito? Un progetto architettonico può costare così tanto? Sto cercando di trattare facendo leva su argomenti personali ma non ho competenza per argomentare a livello tecnico..

Come professionista il progettista aveva degli obblighi?

Grazie ancora
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-24 12:46
Salve Paolo,
i minimi tariffari sono stati aboliti da anni.
Le riporto un estratto della legge 27/2012
Il professionista deve rendere noto obbligatoriamente, in forma scritta o digitale, al cliente il grado di complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell’incarico”.

“In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota al cliente obbligatoriamente, in forma scritta o digitale, con un preventivo di massima, deve essere adeguata all’importanza dell'opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi”.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-13 17:36
Volevo fare una domanda che può sembrare banale ma non ho le idee molto chiare al riguardo. vogliate scusarmi. Il costo di un architetto/ingegnere nel caso di lavori pubblici o privati cambia nelle modalità di determinazione? La formula cp=V x P x G x Q a cosa si riferisce. grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing, Madera Vincenzo 2018-12-13 18:04
Salve, di solito si usa in opere più rilevanti di una ristrutturazione...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-09 22:06
Buonasera. Sono in procinto di effettuare una ristrutturazione in un appartamento di 100 m2 consistente nell’abbattimento di un tavolato, cambio di 7 infissi e rifacimento parziale di pavimenti è un adeguamento dell’impianto elettrico e idraulico. Il preventivo iniziale del geometra indica 600€ per i rilievi e progetto, 600€ di compilazione computo metrico, 800€ di apertura CILA, 2500€ di direzione lavori e 3000 di piano di sicurezza e varie per tutte le questioni burocratiche (comunali, catastali...). Considerando che per i lavori la spesa sarà di circa 50mila € è un preventivo corretto o troppo sopra le righe? Ciò che riguarda le spese del geometra potranno esser recuperate nonostante la CILA non sia ancora aperta? Grazie infinite per il parere
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-12-10 20:02
Nel dubbio paghi il geometra dopo la cila, chieda la cortesia....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-27 23:22
Salve, un parere per favore. Ho ricevuto lettera di incarico da parte di architetto. Il compenso del professionista a forfait è 5200 euro, a parte sono indicate le % per spese sostenute e compensi accessori e le cose escluse ( arredi su misura e contabilità di cantiere). Dice inoltre che l'onorario comprende quanto dovuto al professionista per l'assolvimento dell'incarico. Ora ho ricevuto fattura per 5200 + 4% cassa prev + 22% iva, di cui non si parlava nel compenso a forfait. É normale? É dovuto? Io ho firmato per 5200 euro "all inclusive". Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-04 12:56
Ovvio!!!Il 4% è ovvio che è da pagare, l'iva dipende se dovuta...se dovuta... bisogna versarla, poi sono fatti tuoi se l'iva se scarichi o no.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-04 15:29
In realtà dipende da cosa si evince dal contratto? Se vuole invarmi la copia faccia pure
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-25 15:54
Vorrei una vostra valutazione su una ristrutturazione di 47mq e costo ristrutturazione 25mila euro circa,la richiesta solo per la progettazione di 2500,00 non è troppo elevata?!... più 2000 tra dirz lavoro e p.sicurezza? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-11-25 19:38
Salve,
in realtà preferirei non espormi sugli onorari dei colleghi..mi scusi...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-15 21:13
Buonasera, mi auguro sia la giusta sede dove richiedere il seguente consiglio:
mi trovo a dover decidere se acquistare o meno un immobile all'asta. Ho la possibilità di visionarlo in maniera limitata e sono a conoscenza del fatto che sarà necessaria una totale ristrutturazione. Ho quindi pensato di farmi affiancare da un professionista che sappia valutare gli interventi da effettuare, in modo da capire fino a quale cifra potermi spingere nel corso dell'asta. Volevo chiederla, quale crede sia la tariffa giusta per una procedura di questo tipo? E' meglio farsi affiancare da un geometra, un ingegnere o un architetto?
Già che ci sono, all'interno dell'appartamento è presente un'autoclave. Crede sia possibile rimuoverla? E' molto oneroso o tecnicamente difficoltoso?
Grazie infinite e complimenti per l'ottimo lavoro!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-16 09:12
Salve,
per le spese di ristrutturazione le consiglio la lettura di questo articolo, cosi che si possa rendere conto studiomadera.it/.../....
Inoltre in questo articolo segnalo il prezzo al mq per ristrutturazioni al variare della complessità.
Se è presente vuol dire che è necessaria!!!! Quindi al più dovrà revisionarla o sostituirla!!!
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-17 16:44
Grazie!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-15 12:42
Citazione:
buongiorno, vorrei sapere all'inrca qual'e il costo per un geometra per presentazione di documenti all urbanistica per mettere in regola una tettoia di 8 metri quadri, CONSIDERANDO CHE HO GIA PAGATO UN OBLAZIONE DI 350.00 EURO, mi hanno chiesto 500 euro..costo assurdo.. anche perche non giustificato.
grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alberto 2019-01-12 13:36
..." mettere in regola una tettoia di 8 metri quadri"...intendi una sanatoria? se così io dico che 500 euro di geometra è un ottimo prezzo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-15 12:30
buongiorno, vorrei sapere all'inrca qual'e il costo per un geometra per presentazione di documenti all urbanistica per mettere in regola una tettoia di 8 metri quadri, CONSIDERANDO CHE HO GIA PAGATO UN OBLAZIONE DI 350.00 EURO.
grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-15 20:22
Salve sono tante le variabili, in quanto ha bisogno dell'ingegnere per la pratica al genio civile.....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sam 2018-10-15 14:31
Buongiorno, posso chiedere un consiglio per favore?
Per progettare un totem, totem di prestigio per una cantina vinicola importante, senza la parte tecnica e le verifiche per il comune, ma solo per la parte progettuale, grafico, artistica, secondo Lei che prezzo sarebbe auspicabile farsi riconoscere? Farebbe un mero conteggio ore tra visita, rilievo, lavoro, presentazione, modifiche eventuali e coordinamento geometra e fornitore?
Grazie e saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Cinzia 2018-10-08 11:12
Buongiorno Ing. Madera. Le scrivo per chiederle un consiglio. Stiamo pensando di acquistare una casa che richiede un importante ristrutturazione. L'intervento complessivo dei lavori (compreso l'acquisto/fornitura di tutti i materiali necessari o che comunque si ritengono di installare - es. tende esterne per proteggerci dal sole) avrà un importo totale di circa 180mila euro. Abbiamo contattato un geometra affinché segua l'intervento e ci ha chiesto come compenso (progettazione, direzione lavori, ecc...) il 12% dell'ammontare dei lavori, che comprende anche per l'appunto l'acquisto di tutto ciò che è propedeutico allo svolgimento ottimale dell'intervento. Secondo lei è normale riconoscere il 12% al geometra sull'acquisto ad esempio dei pavimenti, sanitari, rivestimenti, finestre, porte, ecc...? Pensavo che se si conviene una percentuale per il compenso di un tecnico, questa andasse calcolata sull'esecuzione dell'intervento (posa, montaggio, impianti, ecc...) e non sul costo vivo della finestra o della zanzariera o della placchetta degli interruttori della luce. Mi riesce a dire come funziona? A chi posso rivolgermi per avere dei riscontri ad esempio normativi? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Arch. Orazio Grimaldi 2018-10-08 13:56
In sintesi - Il compenso per Progettazione e D.L. si calcola sul costo dei lavori (opere murarie ed impianti completi di componenti fissi standard, pavimenti e serramenti). Il preventivo deve essere supportato da relazioni ed elaborati grafici. Poi, normalmente per gli architetti, si richiede a parte il preventivo per gli studi degli ambienti interni, degli spazie sterni e la scelta dei materiali. Arch. Orazio Grimaldi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-08 14:25
Esatto, grazie Arch...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco Sannino 2018-08-29 13:21
Grazie. Giustamente semplice, ma molto chiaro e corretto. Complimenti e buon lavoro.
Ing. Francesco Sannino
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Orazio 2018-07-08 21:14
Bravo chiarissimo e lineare. Arch.O.G.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-09 10:36
Buongiorno Arch,
è rara il complimento di un collega.
Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

     vincenzo madera                    

Autore: Vincenzo Madera - Ingegnere

 facebook   linkedin

Laureato all'Università degli Studi di Firenze.

Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. 

Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter

Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè. 

 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo