Ecobonus 2021: caldaia e sistemi di regolazione evoluti classe V - VI - VIII

Quali sono i sistemi evoluti di regolazione della temperatura di classe V - VI - VII che consentono l'accesso all'Ecobonus 65% nel caso venissero accoppiati ad una caldaia a condensazione? Come riconoscerli e caratteristiche.

Ecobonus caldaia e sistemi di regolazione evoluti classe V VI VIII

 

Secondo il comma 347, articolo 1, Legge 296/2006 per la:

a) sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza energetica stagionale per il riscaldamento d’ambiente (ηs) ≥ 90%, pari al valore minimo della classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 della Commissione del 18/02/2013; è possibile ottenere una detrazione del 50% delle spese sostenute.

b) sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di cui al superiore punto a) e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02, è possibile ottenere una detrazione del 65% delle spese sostenute.

Quindi, per ottenere l'ecobonus al 65%, oltre alla caldaia a condensazione di classe A, occorre installare sistemi di termoregolazione evoluti appartenenti alle classi V, VI oppure VIII. 

Ma vediamo di cosa si tratta in dettaglio:

Sistemi di regolazione della temperatura.

Per definizione:

Classe V – Termostato d’ambiente modulante, destinato all’uso con apparecchi di riscaldamento modulanti: un termostato elettronico ambientale che varia la temperatura del flusso dell’acqua lasciando che l’apparecchio di riscaldamento dipenda dalla deviazione fra la temperatura ambientale misurata e il punto d’analisi del termostato stesso. Il controllo è effettuato modulando l’uscita dall’apparecchio di riscaldamento.

Classe VI – Centralina di termoregolazione e sensore ambientale, destinati all’uso con apparecchi di riscaldamento modulanti: un controllo della temperatura del flusso in uscita dall’apparecchio di riscaldamento che varia la temperatura di tale flusso secondo la temperatura esterna e la curva di compensazione atmosferica scelta. Un sensore della temperatura ambientale controlla la temperatura del locale e adegua la sfasatura parallela della curva di compensazione per migliorare l’abitabilità del vano. Il controllo è effettuato modulando l’uscita dall’apparecchio di riscaldamento.

Classe VIII – Controllo della temperatura ambientale a sensori plurimi, destinato all’uso con apparecchi di riscaldamento modulanti: un controllo elettronico munito di 3 o più sensori ambientali che varia la temperatura del flusso d’acqua, lasciando che l’apparecchio di riscaldamento dipenda dalla deviazione fra la temperatura ambientale misurata aggregata e i punti d’analisi del termostato stesso. Il controllo è effettuato modulando l’uscita dall’apparecchio di riscaldamento.

In pratica, si tratta di sistemi modulanti più o meno evoluti che si differenziano dai classici on / off. I sistemi on-off, non modulando la temperatura, una volta raggiunto il clima richiesto, si spengono, per poi ripartire quando si abbassa la temperatura. I cicli di accensione / spegnimento provocano aumenti di consumi. Ad esempio, la presenza dei soli termostati collegati ai collettori sono del tipo ON/OFF.

 

Descrizione dei sistemi

I sistemi di classe V sono i più diffusi. La maggior parte dei cronotermostati in commercio hanno queste caratteristiche. Il sensore della temperatura interna è presente direttamente nel cronotermostato.

Nei sistemi di VI classe, la regolazione è più performante. Oltre al sensore interno, è presente anche un sensore all'esterno della casa. Quindi, sulla regolazione incide anche la temperatura esterna. Il tutto viene gestito da una centralina che sceglie una curva climatica. Dopoché, la sonda esterna collegata alla centralina rileva la temperatura esterna e regola la temperatura di mandata dell’acqua. Infine, il sensore ambientale rileva la temperatura interna del locale che sta controllando e adegua la sfasatura della curva climatica scelta alle condizioni ambientali programmate.

Nel sistema in classe VIII aumentano ulteriormente i sensori, controllati sempre da una centralina di termoregolazione e un termostato ambiente.

Molti clienti mi chiedono: "è sufficiente accoppiare una nuova caldaia a condensazione con le valvole termostatiche per ottenere il 65%? La risposta è no. Devi installare gli apparecchi elencati precedentemente!. A prescindere, per legge, nel momento in cui sostituisci una caldaia devi installare le valvole termostatiche!

Infine, ti consiglio di acquistare i termostati dello stesso brand della caldaia. Difatti, scegliendo brand differenti, potrebbero dialogare peggio.

Come accertarsi delle caratteristiche?

Per essere certo che il dispositivo acquistato ricada in queste classi, dovrai richiedere la scheda di prodotto del dispositivo di controllo della temperatura dove viene segnalata l'appartenenza alle classi V, VI oppure VIII della Comunicazione della Commissione 2014/C 207/02, dichiarazione reda ai sensi dei Regolamenti della Commissione n. 811/2013 e n. 813/2013.

Ad esempio, le caldaia Immergas in commercio accedono tutte al 50%. Se accoppiate al cornotermostato CArv2, supercar o mini rcd, rinetrano nel 65%. Vedi la certificazione.

Stesso dicasi per la Vaillant. Vedi la certificazione dei sistemi di regolazione. Se acquistassi una caldaia Sime, potresti accoppiarla con il cronotermostato Sime Home Plus.

Per quanto rigurada la Saunier Duval, potresti optare per Exacontrol E, E7, E7C, E7RC, Migo, Miset.

Oramai, la maggior parte delle aziende produttrici di caldaie realizza questi documenti, che dovrai conservare ed esibire in caso di controlli.

Oltre a queste dichiarazioni, dovrai chiederne una seconda all'installatore o fornitore circa il rispetto dei prezzi massimi per kw indicati dall'allegato I del Decreto Requisiti. In particolare, per la fornitura di una caldaia a condensazione, il prezzo massimo è stato stabilito in 200 €/kWt (esclusa IVA). Nel solo caso in cui l'intervento comporti il rifacimento del sistema di riscaldamento esistente, come opportunamente comprovato da opportuna documentazione, al massimale si aggiungono € 150/m2 per sistemi radianti a pavimento, o € 50/m2 negli altri casi, dove per superficie si intende solo quella riscaldata.

Spero che l'articolo ti sia stato utile. A presto, Vincenzo.

 

____________________________

 

CHI SONO?

Ciao, sono Vincenzo e amo tutto ciò che riguarda l’edilizia.

Vincenzo MaderaFin da ragazzo, mio padre Gennaro mi portava sui cantieri. Quell'ambiente fatto di persone umili, gentili e simpatiche mi ha colpito. Proprio per questo motivo, ci passerei intere giornate, bevendo pessimi caffè e ascoltando le strabilianti avventure dei muratori, per poi tornare in studio a scrivere articoli.

Ecco la mia seconda passione. Mai avrei pensato di creare un blog. Eppure, a sorpresa le pagine del mio sito vengono lette circa 60.000 volte ogni giorno. Parlo di edilizia, strutture, impianti, energetica e interior design.

Spero che, grazie al web, diventeremo amici:

facebook  linkedin youtube insta

_________________________________

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo