Quanto costa un lucernario? Prezzi e dimensioni

Quanto costa installare un lucernario al variare delle dimensioni (mq)? In Alluminio, PVC, legno, vasistas, ecc. Tempi e parcella professionista.

costo lucernario

Per noi della “indoor generation”, un lucernario, oltre ad aumentare l’illuminazione degli ambienti, permette di godersi il cielo e il sole. Insomma, migliora l’umore e allontana lo stress.

Ma realizzare un'apertura sul tetto potrebbe non essere conveniente o fattibile. Difatti, dovrai ottenere dei permessi da diversi enti e addirittura potresti non ottenerli.

Quindi, oltre al prezzo dell'installazione e della fornitura del lucernario, dovrai prendere in considerazione anche i costi della burocrazia.

Quali sono i costi da sostenere?

Occorre premettere che, ti conviene aprire il lucernario tra le travi principali del soffitto, evitando di tagliarle, altrimenti l’opera diventerà molto costosa.

I costi possono essere divisi in due voci.

La prima, la più consistente, è relativa alle opere edili e alla fornitura.

Oltre alla demolizione di parte del tetto (100 € / 150 € al mq), dovranno essere posate delle nuove travi per reggere la struttura dell’infisso e un contro-telaio.

Successivamente, andrà installato l’infisso. Il costo medio della fornitura e posa in opera  è di 500 € nel caso di infissi in legno, 400 € nel caso del PVC, 600 € dell'alluminio. 

A questo si possono aggiungere sistemi di regolazione gestiti da dispositivi online e interconnessi tra di loro, oltre che di automatizzazione con costi da valutare caso per caso. Introducendo questi optional, il prezzo di installazione e fornitura si aggira tra i 900 e i 1200 € al mq. Infine, nel caso di infisso blindato, il prezzo potrebbe raggiungere gli 800 - 1000 €/mq.

Mentre, la seconda voce è relativa alle spese professionali dell’ingegnere, architetto o geometra.

Difatti, il progettista dovrà depositare presso il Comune la SCIA, segnalazione certificata di inizio attività, dirigere i lavori e successivamente aggiornare la planimetria catastale. Potrebbe chiederti sui 2.000 €.  Per immobili vincolati che necessitano di autorizzazione e nulla osta della Soprintendenza, ulteriori 1.300 - 1.600 €.

Ricapitolando:

TIPO

Prezzo

Legno

500 € / mq

PVC

400 € / mq

Alluminio

600 € / mq

Regolazione e automatizzazione

+ 400 / 600 € / mq

Blindatura

+ 500 € / mq

Spese professionali

1600 - 2000 €

Eventuale nulla osta Soprintendenza

1.300 - 1.600 €

Come ti accennavo, questi sono i prezzi indicativi da considerare qualora non si intervenga sulle travi principali. Altrimenti, i costi e la burocrazia aumentano.

Ricordati che puoi approfittare dei bonus dell’Agenzia delle Entrate: ecobonus e bonus ristrutturazione.

Esempio

Immagina di voler realizzare un grande lucernario in alluminio di 1 metro x 1,2 metri = 1,2 mq. Avendo un soffitto molto alto, hai intenzione di regolare l'apertura e automatizzarla.

Chiami il tuo professionista di fiducia che, dopo aver controllato i piani urbanistici, ti da una buona notizia: la tua casa non è vincolata. Hai appena risparmiato 1.500 €.

Chiami il fabbro e chiedi un preventivo:

    • 600 € / mq fornitura e installazione infisso;
    • 600 € / mq regolazione e l'automatizzazione;
    • 100 € / mq per la demolizione della copertura;

1,2 mq x (600 + 600 + 100) € / mq = 1.560 €.

Fermo là! C'è anche la nostra parcella: 1.500 €.

Concludendo, il costo totale del lucernario è di circa 3.000 euro.

Quali sono i tempi per l'installazione?

Per quanto riguarda i tempi, per produrre la pratica edilizia SCIA sono necessari circa 30 / 45 giorni.

Per il cantiere, le demolizioni e l’installazione ne occorrono ulteriori 15.

Qualora la tua casa fosse vincolata, dovrai attendere ulteriori 3 mesi per ottenere il nulla osta.

Pro e contro di un lucernario:

Ovviamente, il lucernario è fortemente consigliato in ambienti bui o poco ventilati. Penso alle stanze dove l’aerazione trasversale non è garantita da aperture contrapposte.

Per motivi di privacy occorre prestare attenzione all'apertura di finestre che prospettano su altri edifici. Specialmente se realizzate in bagni o camere da letto.

In passato avrei sconsigliato l’eccesso di aperture per problemi di abbagliamento, ma oggi, grazie a sistemi di oscuramento automatizzati, si riesce facilmente a regolare il flusso di luce.

Inoltre, grazie alla possibilità di automatizzare l’apertura, sono estremamente funzionali anche in ambienti con soffitti molto alti.

Infine, in caso di pioggia, esistono dei sensori di chiusura che evitano spiacevoli inconvenienti, rendendo le nostre case sempre più smart.

Fattibilità.

Mentre non esistono particolari difficoltà realizzative, gli ostacoli sono quasi sempre dettati da vincoli e divieti della pubblica amministrazione

Ad esempio, se vivi in un appartamento vincolato dalla Soprintendenza per i beni architettonici o paesaggistici, la strada potrebbe essere in salita. 

Inoltre, i regolamenti locali del Comune potrebbero vietare l’apertura o limitarne il numero, la posizione e le dimensioni. Spesso, tali limiti sono imposti solo sulle falde prospettanti verso la strada.

Addirittura, il regolamento condominiale potrebbe contenere delle prescrizioni.

Stesso dicasi per il codice civile che prevede delle distanze minime delle finestre dagli altri edifici.

In soldoni dovrai affidare un incarico ad un professionista, geometra, architetto o ingegnere che valuti la fattibilità dell'intervento. Per approfondire circa la fattibilità: clicca qui.

Quali sono le normative da rispettare?

Essendo un’opera ricadente nella manutenzione straordinaria, occorre segnalarla al Comune e rispettare quanto prescritto nel Testo Unico dell’Edilizia DPR 380/01, la bibbia per noi progettisti.

Qualora si intervenga su elementi strutturali occorre rispettare i dettami delle normative tecniche sulle costruzioni del 2018. 

Oltre a ciò, i regolamenti locali svolgono un ruolo fondamentale: il regolamento urbanistico potrebbe vietare le aperture e quello edilizio regolare le modalità.

 Caratteristiche del lucernario.

La prima cosa a cui presterei attenzione è la scelta del materiale dell’infisso: legno, PVC o alluminio.

Il legno è un buon isolante e garantisce un’elevata qualità estetica. Di contro, con il tempo tende a deformarsi e necessita di più manutenzione degli altri materiali. L’alluminio, grazie al taglio termico, riesce ad isolare bene, è il più resistente, ma anche il più costoso. Infine, il PVC costa meno di tutti ma, nonostante grazie alle pellicole si possa simulare diversi materiali, ha qualità estetiche inferiori.

Il secondo aspetto è legato alle dispersioni di calore. Oggi, noi progettisti cerchiamo di realizzare edifici dai bassi consumi, dove gli sprechi sono ridotti al minimo. Un buon infisso dovrà avere queste caratteristiche che si traducono in basse trasmittanze (minore di 1,5 W/mq k). In realtà, è la stessa normativa sul risparmio energetico che ce lo impone. 

Inoltre, se vivi in luoghi rumorosi, assicurati di acquistare un infisso ad alto potere fonoisolante.

Infine, specialmente su coperture basse, presterei attenzione alla classe di sicurezza all’effrazione.

Spero che l'articolo ti sia stato utile. A presto, Vincenzo.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

____________________________

 

CHI SONO?

Ciao, sono Vincenzo e amo tutto ciò che riguarda l’edilizia.

Vincenzo MaderaFin da ragazzo, mio padre mi portava sui cantieri. Quell'ambiente fatto di persone umili, gentili e simpatiche mi ha colpito. Proprio per questo motivo ci passerei intere giornate, bevendo pessimi caffè e ascoltando le strabilianti avventure dei muratori, per poi tornare in studio a scrivere articoli.

Ecco la mia seconda passione. Mai avrei pensato di creare un blog. Eppure, a sorpresa le pagine del mio sito vengono lette circa 30.000 volte ogni giorno. Parlo di edilizia, strutture, impianti, energetica e interior design.

Spero che, grazie al web, diventeremo amici:

facebook  linkedin youtube insta

_________________________________

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo