Bonus Lampadari 2023? Ristrutturazione o mobili?

L'acquisto di lampadari sospesi e a terra, plafoniere, faretti ricade nel bonus ristrutturazione o mobili?

Bonus Lampadari Ristrutturazione o mobili

Fisco Oggi, la rivista dell'Agenzia delle Entrate, il 23 Maggio 2019 ha chiarito che tra i costi agevolabili nel bonus mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) rientrano anche le spese sostenute per l’acquisto di apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione (circolare n. 29/E del 18 settembre 2013, paragrafo 3.4).

Ovviamente, tali lampadari devono destinati ad arredare un immobile su cui è stato eseguito un intervento di recupero edilizio, per cui è possibile usufruire di una detrazione Irpef del 50% del bonus ristrutturazione. Il bonus lampadari non può essere richiesto qualora si aderisca SOLO agli ecobonus ordinari al 50% e al 65% o al Superbonus. Bisogna aderire al bonus ristrutturazione.

Sintetizzando, qualora stessi realizzando almeno un'opera ricadente in manutenzione straordinaria all'interno del tuo appartamento beneficiando del bonus ristrutturazione, potrai detrarre anche le spese relative a lampadari sospesi e a terra, plafoniere e faretti. Le lampadine non ricadono nell'incentivo. Per il 2022 il bonus mobili e grandi elettrodomestici è stato confermato con spesa massima detraibile 10.000 € (detrazione massima 5.000 €). 

Come bisogna pagare?

Per ottenere il bonus, occorre pagare tramite metodi tracciabili: assegno, bancomat, carta di credito, bonifico ordinario o parlante. Se pagassi in contanti non avresti diritto alla detrazione.

Cessione del credito e sconto in fattura

Il bonus lampadari non può essere applicata la cessione del credito o lo sconto in fattura.

Spero che l'articolo ti sia stato utile, a presto, Vincenzo.

 

Accetto Informativa sulla privacy

____________________________

 

CHI SONO?

Ciao, sono Vincenzo e amo tutto ciò che riguarda l’edilizia.

Vincenzo MaderaFin da ragazzo, mio padre Gennaro mi portava sui cantieri. Quell'ambiente fatto di persone umili, gentili e simpatiche mi ha colpito. Proprio per questo motivo, ci passerei intere giornate, bevendo pessimi caffè e ascoltando le strabilianti avventure dei muratori, per poi tornare in studio a scrivere articoli.

Ecco la mia seconda passione. Mai avrei pensato di creare un blog. Eppure, a sorpresa le pagine del mio sito vengono lette circa 60.000 volte ogni giorno. Parlo di edilizia, strutture, impianti, energetica e interior design.

Spero che, grazie al web, diventeremo amici:

facebook  linkedin youtube insta

_________________________________