FINESTRE: prezzi, scelta, detrazioni e trasmittanze 2019

Finestre 2019: guida completa sui costi e i prezzi del mercato. Come scegliere l'infisso (legno, alluminio o pvc), le detrazioni e le trasmittanze limite.

finestra prezzo detrazione trasmittanza scelta

Spifferi, rumori, freddo, chiusure difettose. Se stai leggendo questo articolo è perchè hai dei problemi con le vecchie finestre di casa.

La sostituzione degli infissi è un investimento obbligato in alcuni casi e consigliato in altri. Pensa solamente al risparmio in bolletta che potrebbe concretizzarsi con l'installazione dei doppi o tripli vetri (infisso costituito da due o tre vetri accoppiati e intervallati da camere d'aria o argon) o all'abbattimento dei rumori del traffico. Infine, pensa al miglioramento dell'aspetto estetico e alla gestione della luce solare in ingresso.

Il miglioramento è indubbio. Naturalmente, migliori prestazioni richiediamo all'infisso, maggiore sarà il costo o il prezzo dei vari componenti!!

Difatti, la sostituzione delle finestre o delle portefinestre ha un costo abbastanza rilevante, di cui farò qualche esempio. Per non incappare in errori ti consiglio di leggere attentamente ogni paragrafo.

 

Partiamo. Prima di acquistare la finestra più adatta a te, dovrai valutarne le caratteristiche.

Scelta della finestra: caratteristiche.

In questo paragrafo voglio elencarti gli aspetti che dovrai considerare nella scelta dell'infisso:

1 Materiale e design:

le finestre più vendute in commercio sono realizzate in pvc, alluminio o legno. Il legno isola bene ed esteticamente è il massimo. Di contro, con il tempo, è soggetto a deformazioni. L'alluminio è il più resistente e con il taglio termico (strato di plastica interno) riesce ad isolare bene. I costi sono rilevanti. Il pvc infine, è il più economico e isola come il legno. Anche se la tecnologia ha fatto passi da gigante, resta comunque il meno resistente tra gli altri e dal punto di vista estetico lascia a desiderare. Ad oggi, tutto ciò, viene sopperito da trattamenti come l'effetto legno o l'effetto lucido.

Per gli ambienti, come ad esempio i bagni, è consigliabile optare per vetri opacizzati, che impediscono la vista dall'esterno.

2 Isolamento acustico:

se vivi in un quartiere pieno di movida o su una strada molto trafficata, questo paragrafo ti sarà molto utile. Difatti, il rumore può rendere invivibile una stanza e gli infissi sono una via preferenziale per la propagazione dei suoni. 

L'isolamento acustico viene misurato in decibel Db. Maggiore saranno i decibel di abbattimento indicati dal produttore, e maggiore sarà l'isolamento acustico dell'infisso.

L'isolamento acustico della finestra aumenta proporzionalmente allo spessore dei vetri. Il rumore viene "smorzato" di circa 25 dB con lastre di 3 mm, 26 dB con uno spessore di 4 mm, 27 dB da 5 mm, 29 dB da 8 mm,  31 dB da 10 mm, 32 dB da 15 mm e così via. Anche la distanza tra i vetri (nel caso di doppi o tripli vetri) influenza l'isolamento, ma in maniera minore.

Ogni infisso ha quindi un "potere fonoisolante” e cioè una capacità di bloccare i rumori provenienti dall'ambiente esterno.

Considera che, all'interno delle nostre abitazioni, non si dovrebbero superare i 40 db di rumore. Quindi, dovrai acquistare infissi con un potere che garantisca tale limite di decibel. Per avere un termine di paragone, una normale conversazione tra due persone si aggira intorno ai 50 dB, un bisbiglio sui 40 dB.

3 Tipo di apertura:

le finestre possono aprirsi a battente, ruotando su delle cerniere verticali, oppure a scorrere su delle guide orizzontali. Le finestre a battente permettono l'apertura completa della finestra. Di contro, si opta per lo scorrimento in caso di grandi aperture o nel caso di piccoli ambienti domestici per evitare ingombri inutili. Lo scorrimento non permette l'apertura completa della finestra ed è molto più costoso. Si può optare anche per l'apertura a "vasistas" o a ribalta, in cui è possibile aprire la finestra attraverso delle cerniere poste nella parte inferiore della finestra.

finestre vasistas battente scorrimento

4 Sicurezza:

Altro aspetto da considerare, specialmente per gli appartamenti posti ai piani bassi è la sicurezza. Per categorizzare le finestre dal punto di vista della sicurezza all'effrazione, si usano sei classi di resistenza (RC). Il ladro riuscirà comunque ad entrare, ma avrà bisogno di più tempo all'aumentare della classe di resistenza. Difatti, le finestre RC1 si riescono ad aprire in circa 3 minuti, mentre le RC6 in 20 minuti.

5 Trasmittanza: indica la capacità di isolare. Ne parlerò in maniera più approfondita nel paragrafo successivo.

Che cos'è la trasmittanza termica degli infissi?

La trasmittanza termica U, semplificando, indica quanto calore viene disperso, in un secondo, da una finestra di un metro per un metro!

Le dispersioni di calore di un infisso sono proporzionali alla sua trasmittanza termica.

Più è bassa la trasmittanza di un infisso e migliore sarà l'isolamento del calore.

La trasmittanza totale di un infisso viene indicata con Uw, dove w sta per window, finestra in inglese. Questo valore, per legge dovrà essere inferiore di un certo valore (limite), che dipenderà dalla zona di ubicazione della nostra casa, oggetto di intervento.

Qual è la trasmittanza massima limite degli infissi?

Come accennato, in ogni provincia, per legge possiamo installare solamente infissi con valori di trasmittanza inferiori ad un certo limite. Per conoscere i valori limite di trasmittanza occorre conoscere la zona climatica in cui ricade l'edificio oggetto di intervento. Esistono 6 zone climatiche:

  • Zona A: Lampedusa, Linosa, Porto Empedocle.
  • Zona B:  Agrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa, Trapani.
  • Zona C:  Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Imperia, Latina, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto.
  • Zona D:  Ancona, Ascoli Piceno, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Firenze, Foggia, Forli', Genova, Grosseto, Isernia, La Spezia, Livorno, Lucca, Macerata, Massa, Carrara, Matera, Nuoro, Pesaro, Pesaro, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Savona, Siena, Teramo, Terni, Verona, Vibo Valentia, Viterbo.
  • Zona E:  Alessandria, Aosta, Arezzo, Asti, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Como, Cremona, Enna, Ferrara, Cesena, Frosinone, Gorizia, L'Aquila, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Modena, Novara, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Piacenza, Pordenone, Potenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Rovigo, Sondrio, Torino, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Vicenza.
  • Zona F: Belluno, Cuneo.

Attenzione, nei comuni possono variare le zone climatiche.

Per la sostituzione di infissi, i valori oggi da rispettare a livello nazionale sono i seguenti:

 

   Zona climatica     U (W/m2K)  
 A e B  3,2
 C  2,4
 D  2,1
 E  1,9
F 1,7

 

Complicato? Cerchiamo di chiarire tramite un esempio: sostituzione di 5 finestre a Milano. Dalla tabella precedente, Milano ricade nella zona E. La trasmittanza limite per la zona E è pari a 1,9 W/m2K. Dovremo far montare degli infissi con trasmittanze inferiori a 1,9 W/m2K.

Un infisso con buone prestazioni possiede una trasmittanza di circa 1,5 W/mqK. Se volessi delle prestazioni superlative, potresti acquistare dei serramenti con 1,2 o 1,0 o addirittura 0,8 W/mqK di trasmittanza.

Inoltre, la maggior parte dei vetri in commercio sono del tipo a basso emissivo, in quanto subiscono un trattamento che abbatte le dispersioni di calore. In pratica, vengono applicate sul vetro 4 pellicole di diversi materiali che riflettono il caldo che generiamo in casa e lo fanno tornare indietro.

Quando andrai ad acquistare l'infisso dovrai saper leggere le caratteristiche del vetro: in genere viene fornita una sigla del tipo 6+18 ARGON+6. In questo caso la stratigrafia sarà costituita da un vetro di 6 millimetri, un'intercapedine di 18 millimetri riempita in argon e un ulteriore vetro di spessore 6 millimetri.

Ora che abbiamo chiarito questi aspetti, arriviamo agli argomenti più interessanti. Vediamo le detrazioni fiscali:

Quali sono le detrazioni fiscali sulle finestre?

Partiamo vedendo in cosa consistono queste detrazioni fiscali? Immaginiamo di acquistare 2 finestre e di spendere 1.000 €. Oggi l'Agenzia delle Entrate, nel caso delle ristrutturazioni, restituisce il 50 % in detrazioni Irpef. Quindi, l'agenzia, non ti verserà sul conto 500 € (50% di 1.000 €) ma ti restituirà la somma scalandola dalle tasse future, in 10 rate annuali di 50 €.

Puoi scegliere di detrarre gli infissi usufruendo del bonus fiscale per le ristrutturazioni o per il risparmio energetico. E' indifferente, in quanto in entrambi i casi prevedono una aliquota del 50%. Cambia il limite massimo di detrazione ammissibile per unità immobiliare:

  • 60.000 € per il risparmio energetico;

  • 90.000 € per la ristrutturazione;

Per il risparmio energetico inoltre, i nuovi infissi dovranno rispettare le seguenti trasmittanze:

   Zona climatica     U (W/m2K)  
B 2,4
 C 2,1
 D 2,0
 E 1,8
F 1,6

 

Le spese che possono essere detratte e che dovranno essere pagate con il bonifico parlante sono:

  • fornitura e posa in opera di una nuova finestra comprensiva di infisso o di una porta d’ingresso;
  • integrazioni e sostituzioni dei componenti vetrati;
  • fornitura e posa in opera di scuri, persiane, avvolgibili, cassonetti (se solidali con l’infisso) e suoi elementi accessori, purché tale sostituzione avvenga simultaneamente a quella degli infissi (o del solo vetro). In questo caso, nella valutazione della trasmittanza, può considerarsi anche l’apporto degli elementi oscuranti, assicurandosi che il valore di trasmittanza complessivo non superi il valore limite di cui sopra;
  • prestazioni professionali, comprensive della redazione dell’APE, ove richiesto.

Il tutto dovrà essere trasmesso tramite il portale dell'Enea.

Infine, vediamo quanto costa una finestra al variare del materiale:

Qual è il prezzo delle finestre?

I prezzi degli infissi variano in base alle caratteristiche sopra citate e alle dimensioni. Il prezzo medio al metro quadro, considerando una trasmittanza di 1,5 w/mqK, è di 400 € nel caso di infissi in legno, 300 € nel caso del pvc, 600 € dell'alluminio. Compresa fornitura e posa in opera.

Vediamo ora alcuni prezzi di finestre RC3, con le caratteristiche:

  • Finestra in legno tenero 100 x 200 cm, vetro doppio basso emissivo 6/7+18+ARGON+6/7 Uw=1,66 Ug= 1,1 w/m2K € 850
  • Finestra in alluminio 100 x 200 cm vetro doppio basso emissivo 4 + 20 Argon + 4 b.e Uw=1,50 Ug= 1,1 w/m2K € 1.000
  • Finestra in alluminio 100 x 200 cm vetro triplo basso emissivo 4b.e+ 15Gas+5+15Gas+4b.e Uw=1,18 Ug= 0,6 w/m2K € 1.400
  • Finestra in pvc 100 x 200 cm, vetro doppio basso emissivo 6/7+18 ARGON+6/7 Uw=1,60 Ug= 1,1 w/m2K € 600

Se tu volessi integrare il meccanismo vasistas, il prezzo aumenterebbe di circa 50 €.

Tra le migliori marche di produttori di infissi abbiamo: Velux, Mottura e Somfy.

Spero che l'articolo ti sia stato utile. Vincenzo

Aggiungi commento


Commenti  
# Marisa 2019-10-18 06:58
Salve, ho un'abitazione singola a Ravenna con un porticato in muratura di mq 30. Ho deciso di chiudere il porticato (regolarmente censito e al momento aperto sul giardino) con serramenti e vetrate scorrevoli (come le chiusure di tanti bar) e farne così un salotto e serra mettendo il riscaldamento. La mia commercialista ha detto che potrei usufruire della detrazione del 50%. E' corretto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-10-18 09:51
Se chiudendo non lo ha comunicato ha commesso un abuso con aumento di volume, la detrazione potrebbe essere l'ultimo dei problemi. Legga qui studiomadera.it/.../... Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Domenico 2019-09-25 17:23
Buonasera e complimenti per le informazioni dettagliate che date dal vostro sito. Abito in provincia di Rc, zona climatica B grazie alle vostre nozioni, mi sto' accingendo a ristrutturare un appartamento costruito inizio anni 70 posto al piano rialzato di un condominio a 3 piani e sono in confusione con la scelta degli infissi;li vorrei fare in Pvc dell'azienda Salamander profilo sl 76 con anta ribalta e spessore 4/16/4 .Cosa ne pensa? Conosce il prodotto che le ho descrittto? Crede ci siano problemi al prodotto con le alte temperature estive che abbiamo?
Grazie Domenico
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-09-26 11:59
Si faccia dare i certificata di resistenza alle alte temperature..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-11 08:40
Salve Antonio,
faccia la detrazione per risparmio energetico ed ha risolto.
Se vuole noi realizziamo la pratica da comunicare all'enea, ci contatti se ha bisogno. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ANTONUO 2019-05-10 23:48
Salve Ing.
il mio quesito: se sostituisco tutti i miei infissi con dei nuovi di materiale e colore diverso, per poter beneficiare delle detrazioni x ristrutturazione o risparmio energetico è obbligatorio fare una Cila??
Il mio comune inquadra questa attività come edilizia libera e quindi una manutenzione ordinaria pertanto non accetta nessuna CILA.
L' agenzia delle entrate specifica che è detraibile qualsiasi attività che ricade in manutenzione straordinaria.
Secondo lei come bisogna procedere?
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-11 08:42
Salve Antonio,
faccia la detrazione per risparmio energetico ed ha risolto.
Se vuole noi realizziamo la pratica da comunicare all'enea, ci contatti se ha bisogno. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# bernardo 2019-05-07 17:51
Ringrazio per la guida sulle finestre. Da quello che ho letto, per avere il bonus fiscale del 50% , dovrei sostituire il mio vetro da 3mm con un doppio vetro che abbia la trasmittanza inferiore a 1,9 datosi che abito in zona climatica E (Frosinone). Quindi mettendo dei normali doppi vetri 4/9/4 (17mm) , non posso neanche usufruire delle detrazioni al 50% per ristrutturazione edilizia? Saluti Bernardo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-07 21:34
Non può installarli per legge con trasmittanze inferiori a quelle limite...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Chi sono: Vincenzo Madera - Ingegnere laureato all'Università degli Studi di Firenze. Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter. Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè, Bei e Nannini, Novaservice. 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo