Manutenzione e controlli caldaia gas metano gpl e pellet. Obblighi e revisioni, libretto, bollino blu e verde. Terzo responsabile, frequenza verifiche e costi interventi di manutenzione e/o il rapporto di efficienza energetica. Agg. 2019

Manutenzione e CONTROLLI caldaia  revisioni - bollino blu

Secondo la normativa vigente (DPR 74/2013) tutti gli impianti termici sono sottoposti a controlli e manutenzioni periodiche.

Prima di tutto andiamo a definire cos'è l'impianto termico per la normativa (D.lgs. 192/05 e s.m.i.): "impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato (legna, metano, gpl, pellet, biomassa, solare, eolico), comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore, nonché gli organi di regolarizzazione e controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento.

 

Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 5 kW. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria (Boiler - scaldabagno) al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate."

Quindi, se avete un impianto termico, come sopra individuato, dovrete obbligatoriamente realizzare delle revisioni e riportarle all'interno del libretto di impianto.

Chi si deve occupare della manutenzione, controlli e revisioni delle caldaie? Rapporto di efficienza energetica o bollino blu.

L’esercizio, la conduzione, il controllo, la manutenzione dell’impianto termico e il rispetto delle disposizioni di legge in materia di efficienza energetica sono affidati al responsabile dell’impianto termico.

Il responsabile della manutenzione dell’impianto termico è l’occupante dell’immobile (sia come proprietario che come inquilino o locatario o comodatario, affitto). Per il caso di impianto termico centralizzato amministrato in condominio (quindi dove non si abbia un impianto termoautonomo), il responsabile è l’amministratore di condominio.

Questi soggetti possono, delegare la responsabilità ad un “terzo responsabile”, che non è altro che il tecnico di una impresa specializzata con determinati requisiti previsti dalla legge.

Ogni quanto si deve fare il controllo o manutenzione della caldaia (frequenza)?

controlli e manutenzione caldaia Vincenzo Madera

Ricordiamo che non devono essere eseguiti i controlli su caldaie non in servizio (spente) o staccate (deve essere indicato sul libretto).

Le verifiche che periodicamente si devono effettuare sugli impianti termici si differenziano in due tipi:

1. la manutenzione (insieme delle operazioni utili a preservare nel tempo le prestazioni degli apparecchi e/o dei componenti ai fini della sicurezza, della funzionalità e del contenimento dei consumi di energia).

Le frequenze per la manutenzione di ciascun apparecchio/componente sono riportate dai fabbricanti di apparecchi e componenti dell’impianto termico nei libretti d’uso e manutenzione. La periodicità della manutenzione è quindi fissata dal fabbricante e riportata nel libretto di istruzioni (normalmente ogni anno).

Occorre cercare in paragrafo all'interno del libretto che indica le frequenze (vedi figura).

manutenzione caldaia libretto

2. il controllo dell’efficienza energetica (o prova fumi o bollino blu verde).

Il controllo di efficienza energetica dell’impianto, compresa la redazione del rapporto di controllo, è obbligatorio e deve essere eseguito in occasione delle operazioni di manutenzione, con la seguente cadenza:

Tipologia
  Alimentazione

Potenza  Termica utile nominale [kW]

Frequenza controllo   efficienza   energetica   (anni)

Generatori  alimentati  a   combustibile  liquido  o   solido (pellet, gasolio)

10≤P≤100

2

P  >  100

1

Generatori  alimentati  a   gas (metano, gpl)

10≤P≤100

4

P  >  100

2

Impianti di casa: il controllo di efficienza energetica (o prova fumi, bollino blu) per impianti alimentati a combustibile liquido o solido (gasolio, pellet, legna) deve essere effettuato ogni due anni mentre per quelli alimentati a gas (metano o gpl) ogni 4 anni.

Oltre alla tempistica indicata nella tabella precedente, il controllo dell’efficienza energetica deve essere effettuato:

• all'atto della prima messa in servizio dell’impianto a seguito di sostituzione degli apparecchi del sottosistema di generazione, come ad esempio la caldaia;

• nel caso di interventi che non rientrino tra quelli periodici, ma tali da poter modificare l’efficienza energetica;

Al termine delle operazioni di controllo il manutentore deve redigere e sottoscrivere il rapporto di controllo di efficienza Energetica in tre copie di cui:

  • una copia è trattenuta dal manutentore stesso;

  • una copia è rilasciata al responsabile dell’impianto che la allega al libretto di impianto;

  • una copia è inviata a cura del manutentore all'Autorità Competente per le ispezioni. A quest’ultima copia è allegato l’eventuale “bollino blu verde” per coprire i costi delle ispezioni degli impianti termici.

Che cos'è il "bollino"? è un sistema per effettuare il pagamento dei contributi previsti dalla legge a carico degli utenti. 
Con il meccanismo del "bollino" i contributi vengono versati dalle ditte per conto degli utenti attestante l’avvenuto pagamento. 
Il bollino che è composto in due parti, riporta un codice numerico univoco ed è di diverso colore a seconda della potenza dell’impianto. 
Una parte viene apposta sulla copia del rapporto di controllo tecnico rilasciata al cliente, l’altra viene applicata sulla copia che viene trattenuta dalla ditta.

Il bollino blu, di importo pari a € 13,00, viene apposto sul rapporto di controllo tecnico per gli impianti termici con potenzialità inferiore a 35 kW. Il bollino verde si usa su generatori di calore da 35 a 350 kW; 

A fine lavoro, il manutentore ha l’obbligo di rilasciare un report della manutenzione e di compilare il libretto di impianto nelle parti pertinenti (vedi figura).

Le regioni possono legiferare in merito. Consigliamo di informarsi attraverso i siti web regionali: Piemonte - Valle d'Aosta - Lombardia - Trentino-Alto Adige - Veneto - Friuli-Venezia Giulia - Liguria - Emilia-Romagna - Toscana - Umbria - Marche - Lazio - Abruzzo - Molise - Campania - Puglia - Basilicata - Calabria - Sicilia - Sardegna.

Se stai pensando di sostituire la tua caldaia a condensazione, abbiamo selezionato le migliori per te.

I controlli riguardano anche climatizzatori, condizionatori o pompe di calore?

climatizzatori, condizionatori o pompe di calore sono equiparati agli impianti di riscaldamento e di conseguenza dovranno essere dotati anche loro del libretto d'impianto.

Per quanto riguarda i climatizzatori, condizionatori e/o pompe di calore si procede al controllo di efficienza energetica solo quando la potenza utile, in una delle modalità di utilizzo (climatizzazione invernale/estiva), sia maggiore o uguale a 12 kW.

Quanto costano gli interventi di manutenzione o il rapporto di efficienza energetica? Quali sono le sanzioni e le multe?

Il costo dell’intervento di manutenzione varia dai 60,00 € ai 90,00 €, mentre quello di efficienza energetica dai 40,00 € ai 50,00 €. C’è chi offre il pacchetto per effettuare entrambi gli interventi ad 80,00 € complessivi. Si ricorda l’importanza del libretto di impianto e del suo aggiornamento: prima compilazione a cura dell’installatore, successivi aggiornamenti e compilazione allegati a cura del manutentore. L’occupante l’immobile deve controllare che il libretto venga debitamente compilato.

Aggiungi commento


Commenti  
# Nicola 2019-06-11 17:17
Salve,
da quello che ho capito la manutenzione è da eseguire annualmente (ad esempio la pulizia dei componenti).
Il controllo dei fumi invece la ditta che esegue la manutenzione mi dice che dal 2019 anche questi devono essere fatti annualmente.

Tenendo conto che sono in possesso di una caldaia a gas con P =24KW installata 13 anni fa volevo capire se effettivamente c'è stato un cambiamento delle nornative (magari solo in Veneto dove risiedo) o se posso fare l'analisi della combustione ogni 4 anni.

Saluti
Nicola
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sanzio Nicolini 2019-05-15 13:14
Io ho una caldaia condensazione Viessman a GPL dal 2008. Poi nel 2015 ho installato una caldaia pellet Edilkamin Orlando perché il pellet è molto più economico del GPL. In inverno funziona solo la caldaia pellet mentre in estate accendo solo la caldaia GPL (collegata a pannello solare) per riscaldamento acqua. Domanda: quali obblighi di manutenzione e controllo efficienza energetica ho sulla caldaia GPL? Vivo a Monte San Pietro (B0). Grazie e cordiali saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-05-16 17:33
Sono scritti nell'articolo, saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Anna Maria 2019-05-10 09:15
Gent.mo Ingegnere,Sono stata affittuaria fino al 17 aprile 2019, consegnando le chiavi al vecchio proprietario mi comunica che devo fare la chiusura della caldaia a metano tra l'altro intestata a me,(bollettino di 20 € all'ufficio delle Finanze per la chiusura) dice che' obbligatoria, in quanto se non si fa rischio di essere penalizzata. Mi può dare delle spiegazioni in merito,oltre i €20,00 c'è da pagare il tecnico per fare la chiusura della caldaia?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Rocco 2019-04-30 17:47
Buon giorno
Il mio quesito è:
La ditta che sostituisce la caldaia (nel mio caso da camera aperta a camera aperta essendo la canna fumaria ramificata)
per redigere la certificazione del cambio caldaia di quali documenti ha bisogno che io consegni atteso che mi stà portando in campana ed ogni volta che chiedo la certificazione mi pone problemi e che deve verificare questo,deve verificare quello.
Cosa posso fare
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-05-02 10:24
Deve fare il collaudo e a quel punto può rilasciare la certificazione...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Rocco 2019-05-02 17:15
Buona sera.Sicuramente non ho esposto con chiarezza i fatti.La ditta ha già installato la caldaia ed io sto' chiedendo con insistenza la certificazione ma la stessa rimanda sempre questo momento.Per allungare i tempi ora chiede un documento ora chiede un altro,ora dice che deve misurare questo,deve misurare quello,ecc...Quindi se ho capito bene il senso dalla sua risposta.Alla ditta non deve interessare nulla di cio' che stà a monte ed a valle della caldaia,deve certificare la mera installazione della caldaia nuova.
Se è così cosa posso fare per richiedere la certificazione?
Cosa posso fare,se per caso tale ritardo è dovuto che la stessa non puo' certificare tale lavoro?Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Lorenzo 2019-04-29 10:43
Buongiorno, ho ricevuto una raccomandata dall’ente di controllo per le caldaie che mi intimano di esssere a casa in un determinato giorni per fare il controllo. Io ho installato la caldaia a metanonel marzo 2017, non ho ancora mai fatto un controllo ne nulla, la caldaia era nuova quando installata. Secondo la tabella posta nell’articolo io dovrei fare il controllo dei fumi ogni 4 anni? Dato che non ho fatto nulla, questo ente di controllo puo farmi una multa o cosa? Se non si fanno i controlli come previsti da libretto caldaia ci sono sanzioni? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ilario 2019-04-18 12:58
Salve,
ho ricevuto una chiamata dalla ditta che avevo chiamato per un problema di calcare nella caldaia, e che ha effettuato un controllo di Efficienza Energetica (come riportato nel vostro articolo) il 05 Dicembre 2018.
Ora asseriscono che dovrei fare il controllo per il bollino blu al costo di 70 €, in quanto obbligatorio.
Voleo chiedere se è corretta la loro richiesta, o avrebbero dovuto farlo durante l'intervento di cui sopra. A me hanno rilasciato il rapporto, ma non c'era alcun bollino attaccato.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing, Vincenzo 2019-04-19 14:24
Controlli le scadenze considerando i controlli passati...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Simona 2019-04-12 12:32
Salve, ho una caldaia a metano e, come niuovo proprietario della casa dalla fine di marzo, ho dovuto fare il controllo caldaia con relativo bollino per il 2018 entro aprile perchè i vecchi proprietari non lo hanno fatto a dicembre sapendo di vendere. Ora vorrei spostare il controllo a novembre quando comincio ad accendere la caldaia ma nel 2020 mi scade bollino e controllo fumi. Posso rifare quest'ultimo a novembre o deve essere per forza entro aprile essendo stato fatto il precedente in quella data? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-04-13 09:41
Non ci dovrebbero essere problemi ma chieda al caldaista...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ROBERTO GUERRA 2019-04-09 11:35
Buongiorno Ing.
nella mia abitazione posseggo una caldaia a gas di 34 kw ed avevo un caminetto aperto nel salotto che è stato dismesso.
ora vorrei acquistare una caldaia a pellet in sostituzione al caminetto.

Le chiedo se dovessi prendere una caldaia a pellet sotto i 5Kw sono obbligato ad inserirla nel libretto d'impianto sommandola alla caldaia a gas e quindi superando i 35 kw ? .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# JESSICA MODESTI 2019-03-27 15:17
Ciao
Io dovrei fare il controllo caldaia obbligatorio richiesto dalla mia padrona
Volevo sapere quanto costa il controllo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Martino 2019-03-14 18:22
Gentile Ing. Madera, ho un appartamento dato in affitto che la regione ha sorteggiato per un controllo della caldaia, risulta quasi tutto nella norma, l'unico problema ( a dire del tecnico della regione) che non rientra nei parametri per il tiraggio, quindi bisogna chiamare il tecnico per pulire la caldaia in modo tale che rientra nei parametri ed inviare il tutto alla regione. La mia domanda: l'uscita del tecnico per una pulizia extra è a carico del proprietario o dell'inquilino? La ringrazio...... Distinti Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-14 18:56
Direi inquilino...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gianvito 2019-03-14 12:31
Grazie. Ma ha carattere di obbligatorietà o meno (come il controllo fumi)?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-14 18:54
Ovvio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gianvito 2019-03-14 10:46
Gentile Ing. Madera,buongiorno.
Le scrivo per avere un prezioso chiarimento: premettendo che le scrivo dalla regione Puglia, vorrei cortesemente sapere circa l'obbligatorietà e la frequenza e dell'attività di controllo fumi e di quella di manutenzione caldaia domestica. Ho intuito che la prima va fatta obbligatoriamente e con cadenza biennale, ma riguardo la manutenzione ordinaria invece? E' obbligatoria innanzitutto? E se si, va fatta anch'essa ogni 12 mesi? Onestamente mi sembra un business piuttosto oneroso questo, sopratutto se questi controlli hanno da essere fatti un anno si, e l'altro pure. Mi chiarisca un poco le idee cortesemente, così da evitare raggiri. Grazie infinite.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-03-14 11:57
Gentile Gianvito, apra il libretto della caldaia, e cerchi la cadenza delle verifiche...Purtroppo, spesso sono annuali
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alberto 2019-03-05 18:00
Abito in una palazzina di quattro appartamenti, il nuovo propietario dell' appartamento del secondo piano vorrebbe spostare la caldaia del riscaldamento del suo appartamento nel sotto tetto comune alto nel punto massimo cm 205 la scala per accedere al sotto tetto è una scala rientrante con botola.Nel sotto tetto vi è una finestrella cm 60x 60 per accedere al tettol solaio del tetto non è isolato in inverno è freddo in estate è caldissimo tale operazione è possibile?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Letizia 2019-03-03 03:41
A febbraio 2019 è pervenuta Raccomandata A/R da parte dell'Agenzia Regionale Recupero Risorse (SIERT) in cui mi si contesta che:dall'accertamento eseguito su RCEE rilasciato dalla Ditta... in data 26/11/2018 e trasmesso dalla Ditta stessa sul predetto SIERT, in occasione di un intervento di manutenzione dell'Impianto termico sono state riscontrate difformità e consigli di adeguamento.L'intervento di manutenzione è stato xo' effettuato in a febbraio 2018 e non a novembre e nel RCEE rilasciato in copia non compare questo rilievo anzi è stato sbarrato un "nulla da rilevare! A chi denunciare questo comportamento scorretto e omissivo del manutentore?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2019-03-03 11:42
Contatti l'ente e la ditta, e cerchi di capire da quale parte proviene l'errore...se è colpa della ditta pretenda di riparare al danno
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sara 2019-02-28 09:13
Buongiorno Ingegnere, ho una piccola attivita', volevo sapere se devo fare i controlli obbligatori ogni 2 anni oppure ogni 1 anno (puo' anche dipendere dalla potenza della caldaia?)
Grazie.
Sara
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera Ing. Vincenzo 2019-02-28 11:59
Controlli sul libretto della caldaia...dipende dal libretto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# paolo 2019-02-20 16:34
una domanda: noi utenti, siamo obbligati ad accettare il controllo telemetrico per i consumi del gas, o possiamo rinunciare, visti i costi di gestione?
Grazie.
Paolo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-02-09 23:55
M.Fumagalli Buongiorno ingegnere, sono un pensionato da 889,20 euri al mese,ovviamente non amo troppo questa storia dei controlli e i bollini obbligatori,volevo solo dire che bisogna avere il coraggio (ogni tanto) di dire che nessuna azienda/ditta/costruttrice di caldaie scriverà mai sul proprio libretto;"controlli/manutenzione/fumi/ecc ogni 2 anni"come dice la legge ma scriverà sicuramente ;controlli = ogni anno ! Non esiste il: "ogni-2 anni" in Italia! Hanno fatto una legge pasticciata non chiara dove appunto le aziende spadroneggiano scrivendo sui libretti quello che a loro conviene e in+ scocciano telefonando in continuazione consigliando i loro "pacchetti" e abbonamenti dove il risparmio lo vedono solo loro !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-02-10 00:09
Sono totalmente daccordo con lei e confermo che in tutti i libretti da me visionati di parenti e amici nessuna azienda ha mai scritto :"controllo - manutenzione ogni 2 anni " mai !!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-02-10 07:31
Sui libretti nessuna azienda prescrive la manutenzione/controllo ogni due anni (come dice la legge)ma ogni anno e a mio avviso è davvero esagerato! Ormai da qualche anno il business dei "controllo-caldaie" è partito alla grande ! Personalmente ho risolto; ogni due anni chiamo io loro,la signorina fissa un appuntamento,il tecnico viene e in circa un quarto d'ora max 20minuti esegue tutti i controlli infine scrive sul libretto ,pago a volte 85 a volte 95 euri e per due anni sono a-posto come dice la legge dello stato italiano !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing, Vincenzo Madera 2019-02-13 08:47
Son d'accordo. Leggo sempre un anno. Io scrivo cosa riporta la legge...Difatti, scrivo che di prassi è un anno...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-29 13:23
Buongiorno ingegnere, una cosa non mi è chiara, se il produttore della caldaia e il manutentore mi dicono di fare la manutenzione ogni 2 anni e la legge la richiede ogni 4 come devo comportarmi? E decorosa la garanzia sono sempre obbligato a seguire le tempistiche previste dal costruttore?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# vanni 2019-01-19 16:03
Il tecnico che ha fatto l'ultimo controllo sulla caldaia (a gas, in appartamento, acqua calda e termosifoni) ha detto che da quest'anno le caldaie devono essere munite di termostato, il quale dovrò dunque essere installato (spesa circa 100 euro). Non ho trovato traccia di questo obbligo. Può confermarlo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-29 09:01
4
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2019-01-09 19:29
Gent.mo, volevo chiedere ho installato una caldaia nuova a condensazione, lo scorso anno 2017. Mi hanno rilasciato tutte le certificazioni compreso le prove fumi e normale pulizia, le chiedo ogni quanto tempo si deve rifare? Dato che la società di assistenza continua a chiamarmi? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2019-01-09 20:53
Controlli il libretto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-17 17:11
avendo 2 climatizzatori il 1 è di 9kw e l'altro e di 10kw al com di Firenze non dovrebbe fregargliene nulla o sbaglio?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Fabio 2018-12-16 16:03
Gent.mo, la casa singola,(villetta circondata da tutti e 4 lati da giardino senza alcun muro comunicante con altre abitazioni), con caldaia autonoma a gas metano con potenza di 35Kw è soggetta ai controlli di manutenzione, fumi etc? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-17 08:23
Ovviamente Fabio...
saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-17 15:16
Grazie Ing.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-15 15:29
Si più precisamente dosatore polifosfati che previene la corrosione è il deposito di calcare in caldaia è obbligatorio di legge da parecchi anni
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-12 23:41
sandra pistoia
il mio manutentore mi dice che per legge si deve istallare un addolcitore per l'acqua alla caldaia....ma non ho trovato niente su tale argomento
grazie e buon Natale
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-15 15:49
Tutto vero..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-10 15:19
Buonasera Ingegnere, ho acquistato casa da circa un anno e mezzo, ma ci abito da circa uno, l'ex proprietario non mi ha dato il libretto vecchio della manutenzione della caldaia, devo farne uno nuovo vero? ma anche se mancano le revisioni degli anni precedenti, io rischio qualche multa? grazie anticipatamente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-12-08 20:04
veramente revisione e pulizia ogni 2 anni
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-10 15:47
Se legge bene la revisione della caldaia dipende dal libretto!!!
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-12-10 19:52
PEr le revisioni si faccia trovare una soluzione dal suo caldaista.....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-28 18:00
Buongiorno, mi chiamo Claudio. Ho eseguito fino a oggi, regolarmente, tutte le revisioni e controlli fumi necessari da legge. Adesso il tecnico mi dice che non può (in pratica si rifiuta) farmi il controllo periodico se non gli fornisco la conformità impianto. Il mio impianto, con piccola caldaia a metano, è un po' datato e non ho la conformità. E possibile che le due cose siano legate? Nelle norme non ho trovato nulla. Può rifiutarsi di farmi la revisione? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-10 17:14
L'impianto potrebbe essere ante 90 e quindi senza progetto...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# graziani franco 2018-11-22 14:04
vorrei sapere se alla regione emilia romagna comune di ravenna, sono obbligatorie le seguenti cose. il certificato di di idoneità dell' impianto del metano. ed inoltre siccome io regolo la temperatura direttamente dal termostato della caldaia, vorrei sapere se è d' obbligo il regolatore a distanza, situato in una camera senza il controllo dalla caldaia. io faccio regolarmente dal 1993 la manutenzione ordinaria e controllo fumi. fino ad oggi dai vari operai non mi è stato mai detto nulla di obbligatorio. ma il nuovo operaio mi ha detto che se non lo fa quando invia i certificati in regione e non c' è la conformità e il termostato, sono passibile di sanzioni. non è per il costo tutto sommato abbordabile, ma non voglio essere una cavia da spremere. in tutto 360 eu incluso certificato di conformità dell' impianto montaggio incluso. spero di non disturbare , e di avere una risposta saluti Franco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# graziani franco 2018-11-22 13:51
prova
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Lauretta 2018-11-18 21:22
Buonasera, ho una caldaia del 2009 a condensazione a gpl con P tra 10 e 100.sul libretto della cadaia sono riportati gli interventi come previsto dalla legge. Ho fatto fare la manutenzione contestualmente al controllo di efficenza ,ovvero ogni 4 anni , non ogni anno come consigliato dal costruttore, sono in regola o rischio sanzioni?Grazie per lasua cortese risposta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Katrin 2018-11-14 15:58
Una domanda, se voglio anticipare un controllo del fumo di un anno prina pisso farlo e secondo cosi il prossimo controllo devo fare in conseguenza in due anni, perche il ragazzo della manutenzione mi dice no non e possibile legalmente perche c é un anno termico a rispettare?
E giusto?
Grazie katrin
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-14 21:35
Lei può farlo quando vuole...ne può fare anche tre in un anno...la legge impone il minimo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-14 15:25
Buona sera
durante il trasloco ho perso tutti i libretti della caldaia del vecchi appartamento, ho provveduto a rifarlo e mentre ero dal tecnico (uno diverso da quello a cui mi rivolgevo) ho scoperto di questa nuova normativa e che i controlli precedenti non erano a norma.
Ho fatto fare il controllo per cui ad oggi risulta un solo controllo dalla prima accensione.
Posso incorrere in problemi?
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-15 20:25
si faccia rifare un nuovo libretto....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-09 23:42
Buonasera, ho un termine di 30 gg per eliminare anomalie, in particolare per sistemare lo scarico a parete. Quanto tempo ho per comunicare di aver eliminato l anomalia?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-08 16:47
Buongiorno ingegnere, ho installato da qualche mese una stufa idro a pellet del valore nominale pari a 13 Kw su un impianto esistente con caldaia a metano. La stufa a pellet prevede una manutenzione annuale, obbligatoria almeno per la garanzia. Con che cadenza occorre invece effettuare quella della caldaia a gas?
La ringrazio anticipatamente per una gentile risposta in merito.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-08 19:37
Il libretto impone i controlli!!! veda in alto l'immagine illustrativa...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Alberto 2018-11-03 17:49
Buongiorno ingegnere,
ho acquistato un appartamento nel quale è installata una caldaia a metano per il riscaldamento e produzione acqua calda.
Il venditore (figlio del precedente proprietario deceduto) mi ha consegnato soltanto rapportini relativi a manutenzioni/controlli effettuati fino all'anno 2008. Non trova più nessun altro documento, neppure il libretto d'impianto e/o il libretto d'uso e manutenzione.
Cosa devo fare per mettermi in regola?.
Scusandomi per il disturbo, la ringrazio anticipatamnete per la risposta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-11-03 11:46
Buongiorno Ingeniere, leggo nel suo articolo
“ Il controllo di efficienza energetica dell’impianto, compresa la redazione del rapporto di controllo, è obbligatorio e deve essere eseguito in occasione delle operazioni di manutenzione, ” il libretto di manutenzione della mia caldaia prevede la manutenzione annuale, quindi il mio manutentore mi deve rilasciare il rapporto di controllo ogni anno con relativa analisi dei fumi? Grazie per la sua eventuale risposta
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-03 16:44
Certo che lo può richiedere ma lo paga...altrimenti segua le scadenze...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco 2018-11-02 06:17
Buongiorno devo installare una caldaia a condensazione solo per la produzione di acqua calda... Mi dicono che non devo fare i controlli ed il bollino blu è corretto, o devo comunque fare il bollino blu? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-02 09:02
Esatto, non deve...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Paolo 2018-11-01 10:31
Salve ingegnere, volevo farle una domanda: dopo aver fatto fare il collaudo di una nuova caldaia, è possiible scegliere un nuovo idraulico che si occuperà della futura manutenzione e dei controlli periodici? Purtroppo l'idraulico che l'ha installata mi sta dando troppi problemi, e vorrei fargli fare solo il colluado (visto che sono in affitto, e questo idraulico me l'ha imposto il proprietario di casa), ma poi vorrei trovare un professionista più qualificato. Grazie mille e buona giornata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-01 11:32
Certo Paolo,
ovvio, anzi può affidarsi a caldaisti generici oppure della casa produttrice della caldaia..è indifferente.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Sandro 2018-10-26 20:42
Buonasera Ingeniere, ho una caldai a gas del 2003. Ho fatto eseguire sia le manutenzioni ordinarie e controlli fumi fino il 2013 (ultimo bollino blu in mio possesso) .... aldilà delle sanzioni ... essendomi accorto di questa lacuna temporale come faccio a mettermi in regola per quest'anno e gli anni precedenti? posso pagare una specie di mora, e mettermi in regola in modo retroattivo? ho devo solo sperare che il comune non venga a farmi il controllo di questi ultimi 5 anni ..... grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-27 09:51
Salve Sandro,
Contatti un idraulico, le trova la soluzione in due secondi...si metta in regola per quest'anno
Saluiti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# sandro 2018-10-31 09:34
Grazie Ingeniere, ma non ha risposta alla domanda a cui tenevo di più "posso pagare una specie di mora, e mettermi in regola per gli anni 2015 2017 ? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-26 09:08
Buongiorno
vorrei un consiglio,faccio parte di un'associazione che gestisce un locale di 1000 mq di proprietà del comune di Genova,vorrei sapere se gli aspetti che riguardano la documentazione della caldaia sono a carico del comune o nostro.
Mi riferisco alle certificazioni sull'efficienza energetica etc etc..
La ringrazio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Roberto 2018-10-19 19:54
Buongiorno Ingegnere, mi trovo nella condizione di dover sostituire la mia caldaia a gas da 24 kW in quanto non conviene più ripararla. Quella attuale è a camera aperta e vorrei sostituirla con una avente caratteristiche analoghe, tuttavia alcuni mi dicono che ora è obbligatorio installare solo caldaie a condensazione, ben più care e che per l'utilizzo molto modesto che ne devo fare rappresenterebbero una spesa eccessiva. È vero che non si può più installare una caldaia a camera aperta? La ringrazio anticipatamente. Roberto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-20 11:56
Salve Roberto
Si è vero...si trovano anche a costi contenuti ..Letta i suggerimenti eww.studiomadera.it/news/86-caldaia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Mirko 2018-10-19 00:18
Buonasera, abito in toscana e devo comprare una stufa a pellet che non sia caldaia perché la casa che ho preso in affitto è senza metano, la casa é 110 mq tutta su un piano con corridoio con stanze a dx e sx e quindi metterei la stufa nel corridoio... mi hanno consigliato di mettere una stufa di 10 kw senza canalizzazione per scaldare la casa, volevo sapere se dovrei pagare il bollino regionale e quanto mi costerebbe.., grazie e a presto... Mirko
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-18 15:41
Volevo chiedervi: se io non uso la caldaia per il riscaldamento ma solamente per la produzione di acqua calda in quanto uso una stufa ed un caminetto a pellet senza apparecchiature radianti, ho ugualmente l’obbligo del controllo annuale? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-18 19:32
Premesso che usa la caldaia per il riscaldamento, se effettua i controlli regolarmente sulla stufa non occorre la verifica.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giuseppe 2018-10-15 17:35
volevo chiedere come mai un compito così importante , vieene lasciato al controllo di un tecnico dell'impresa di cui io non sono in grado di conoscere l'affidabilità e di verificarne le capacità????? e se il tecnico mi truffa sia con la documentazione che con la manutenzione a chi mi devo rivolgere???? come faccio a conoscere il tecnico dell'impresa??????
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-15 16:28
Buonasera, Le volevo chiedere se ci sono normative nuove quest'anno sugli impianti delle caldaie oltre al bollino rosso...grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-08 20:37
Le sanzioni?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Manuela 2018-09-28 21:25
Buonasera, io ho una caldaia a metano con P inferiore a 100 kw con prima accensione il 16 11 2014. Sono in provincia di Frosinone. Ogni quanti anni devo fare il controllo di efficienza energetica? Gli idraulici mi dicono ogni 2 anni, ma io vedo che la normativa prevede ogni 4. Possibile che vari a seconda della zona geografica?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-29 10:15
Salve Michela,
non saprei dirLe se la regione Lazio ha modificato la normativa. Chieda ad un collega di zona!!
La nazionale dice 4 anni
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-05 11:50
Buongiorno ingegnere, mi chiamo Giuseppe Paolicelli e la disturbo per questa problematica inerente la mia caldaia da riscaldamento a gas metano Beretta da 26 Kw. Dal 2008, anno dell'installazione, ho effettuato il controllo efficienza e la manutenzione annualmente ma, dal 2013, dopo aver scoperto che potevo effettuare la manutenzione ogni due anni (come da Manuale Utente Beretta) e il controllo fumi ogni 4 anni ho provveduto in tal senso. Oggi, rileggendo casualmente il suddetto manuale mi sono accorto che su pagine diverse l'obbligo viene indicato come biennale e come annuale (!!!). Cosa mi consiglia di fare? Grazie e buon lavoro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-06 10:24
Prima di tutto capirei quali delle due periodicità è corretta. In secondo luogo, rispetterei tale cadenza..non c'è altro da fare...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-06 11:46
La ringrazio. Purtroppo la casa produttrice, da me interpellata in tal senso, non mi ha risposto. Buona giornata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# LORENA DI MAIO 2018-09-03 11:43
Buon giorno Ingegnere,
io ho un vecchio termocamino impiantato da 21 anni. Né libretto né certificazioni né altro di simile. Cosa devo fare per mettermi in regola ? E quanto può costare ? Grazie. Lorena Di Maio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-09-03 16:04
Contatti un tecnico che le redigerà un nuovo libretto. Sui 100 €...se deve fare anche il rapporto di efficienza 150...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-08-05 11:39
Buongiorno ing. Madera,
stiamo valutando la sostituzione della caldaia dell'impianto termico. Attualmente è montata una Geminox da 35KW. L'installatore, dopo sopralluogo, ha confermato che i locali dove la caldaia è installata sono a norma, ma solo per caldaie di potenza inferiore a 35KW e ne propone una da 32KW. Io sapevo che le normative variano per potenze dell'impianto superiori ai 35KW, ovvero ero convinto che se un locale è a norma per una caldaia da 32KW lo è necessariamente anche per una da 35KW (ma non necessariamente per potenze superiori). Sono in errore?
grazie e buona giornata
Marco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Lorenzo 2018-07-12 05:59
Salve ing. Madera, sono l’inquilino di un appartamento a Firenze e la manutenzione della caldaia è scaduta da circa un mese. Ho provveduto a farla controllare nel mese successivo da un tecnico qualificato e risulta non più a norma (Fra le tante c’è il tiraggio naturale della caldaia sita in una piccola stanza sprovvista di bocchette comunicanti con l’esterno) anche se funzionante. La manutenzione (controllo dei fumi fatto lo scorso anno) deve essere fatta entro un anno dalla precedente o entro l’anno corrente? Il proprietario della casa è restio a cambiare la caldaia è vorrebbe farla verificare da un suo tecnico che, negli anni, l’ha sempre considerata a norma diversamente da quello che ha detto il tecnico contattato da me. All’eventuale insistenza del proprietario che si rifiuta di cambiarla come posso procedere? Grazie per la cortesia e l’attenzione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-12 08:55
Salve Lorenzo,
anno solare.
chieda un consiglio a un avvocato per come procedere, non saprei.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Gabriele 2018-07-08 13:13
Sono inquilino di un appartamento e vivo da 4 anni con la mia famiglia. Il contratto è in conclusione e "sfortuna" vuole che prima dell'uscita si è rotto un pezzo dello scaldabagno a gas. La rottura è del polmone idraulico sito nello scaldabagno, dovuto al calcare accumulatosi negli anni ( prima installazione 1996),. Il proprietario mi vuole imputare le spese della sua sostituzione e mi chiede tutto il pregresso delle revisioni periodiche.
Vorrei capire se per questo tipo di impianto, SCALDABAGNO con potenza nominale di circa 27kW ad utilizzo esclusivo dell'acqua calda sanitaria e cucina (NO RISCALDAMENTO, in quanto centralizzato dal condominio) sono obbligatorie per legge le manutenzioni periodiche e se si, ogni quanto?

Cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-08 17:38
Non sono obbligatorie...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-22 12:37
Salve Ing. Madera,
in base a quello che ha scritto sopra non è previsto l'obbligo di una pulizia annuale per le caldaie/stufe a pellet con potenza <35kw da parte di una ditta specializzata. Quindi si può effettuare da soli se si è in grado e fare un controllo ogni 2 anni da parte del centro assistenza. Perchè non ho trovato nessuna normativa o regolamento a riguardo per la regione Lazio.
Aspetto una sua risposta. La ringranzio in anticipo.
Andrea
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-22 16:27
Se per pulizia intende manutenzione questa deve essere fatta ogni anno , o con scadenza prevista dal libretto, salvo diversa regolamentazione regionale. Inoltre, bisogna avere dei requisiti per procedere autonomamente....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-15 13:05
salve, non so se mi può essere di aiuto, ho una caldaia gas metano che produce solo acqua sanitaria è necessaria la revisione obbligatoria? gli scarichi mi dicono che sono stati montati male perché sono stati portati proprio sopra la porta finestra della cucina di casa, vanno bene o sono da spostare? grazie mille per ora
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-15 14:04
Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unita’ immobiliari ad uso residenziale ed assimilate. Quindi nessuna verifica!!! Per gli scarichi deve chiamare un termotecnico che verifichi le prescrizioni...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Carlo 2018-05-14 19:20
Buongiorno,

ho un quesito, sono un inquilino in affitto in fase di disdetta con termine il 1 Agosto.
Ora è il periodo della revisione della caldaia, questa revisione per la stagione successiva 2018/2019 in cui io non usufruirò più della casa, legalmente è comunque a mie spese?

Grazie in anticipo per l'attenzione

Carlo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-05-14 20:05
Direi da Lei, o comunque la quota parte in mesi.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

     vincenzo madera                    

Autore: Vincenzo Madera - Ingegnere

 facebook   linkedin

Laureato all'Università degli Studi di Firenze.

Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. 

Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter

Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè. 

 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo