IMPIANTO GAS CUCINA: prezzo e costo. Normativa 2019

Impianto gas cucina: prezzo e costo. Norma aerazione e ventilazione.

In quasi tutte le abitazioni, è presente un impianto a gas per la cottura dei cibi. Difatti, sono poche le case dotate di impianto ad induzione alimentato dalla corrente elettrica, alternativo ai fornelli della cucina a gas.

Costo allaccio, voltura, subentro + prezzo di installazione

Prima di tutto cerchiamo di capire, tramite le definizioni di cosa stiamo parlando:

Quando parliamo di allaccio intendiamo la creazione di un nuovo impianto gas mentre il subentro avviene quando l'utenza è già presente e quindi la riattiviamo realizzando una voltura di un contratto (cambiando intestatario);

Il costo di un allaccio dipende da molti fattori (tipo distanza dell'utenza e dal tipo di fornitore). Tempi per l'allaccio vanno dai 15 ai 60 giorni in base a quanto è complesso l'intervento.

Mentre, il costo di un impianto a gas a norma, dal contatore al piano cottura, varia tra i 700 e i 1000 €, in base alla distanza dei due. Se il gas fosse necessario anche per alimentare la caldaia per il riscaldamento, il costo varia tra i 1000 e i 1300 €. Il costo dell'idraulico è circa 2/3 del totale e il restante terzo per le assistenze murarie della ditta edile (scassi e chiusura tracce)

Al termine dell'installazione è obbligatoria la dichiarazione di conformità (certificato) rilasciata da una ditta abilitata. Non si può fare il fai da te!!!!

cucina impianto gas costo normativa

Aerazione obbligatoria per la cucina ( apparecchio di tipo a)

Il piano cottura della cucina, dal punto di vista impiantistico è un apparecchio di tipo A:  il prelievo dell’aria comburente e l’evacuazione dei prodotti della combustione avvengono nel locale di installazione.

Proprio per questo motivo, l'ambiente deve essere aerato e ventilato:

E' necessario realizzare su parete esterna, almeno n. 1 foro in basso per la ventilazione (afflusso dell’aria necessaria alla combustione) dei locali ad una altezza non inferiore a 30 cm, di sezione utile 100 mm² ed uno in alto ad una altezza non inferiore a 180 cm, di sezione 100 cm². Vi sono dei casi (uno dei più comuni) in cui è sufficiente realizzare un solo foro in basso di sezione pari a 100 cm² (per la sola ventilazione), e cioè, quando l’apparecchio di cottura a gas è provvisto di dispositivo di sorveglianza di fiamma e l’aerazione (ricambio dell’aria necessaria sia per lo smaltimento dei prodotti della combustione, sia per evitare miscele con un tenore pericoloso di gas non combusti) è garantita da una cappa di aspirazione a tiraggio naturale o elettrica (munita di ventilatore) presente sopra il piano di cottura collegata ad una ad una canna fumaria o tubazione che espelle i residui della combustione/vapori direttamente all’esterno, oppure attraverso un elettro ventilatore collocato sulla parte alta della parete esterna del locale (l’elettroventilatore può essere posto anche sugli infissi esterni).

La cappa o l’elettro ventilatore deve essere messo in funzione per tutto il periodo di funzionamento degli apparecchi di cottura.

Consigliamo gli apparecchi di cottura con sorveglianza di fiamma, dotati di dispositivo di sorveglianza di fiamma che, in risposta a un segnale del rivelatore di fiamma, mantiene aperta l’alimentazione del gas, e la interrompe in assenza della fiamma.

Aggiungi commento


Commenti  
# Ivano 2018-11-21 09:56
Buongiorno sono due giorni che mi trovo il contatore del gas chiuso da personale autorizzato. In sostanza due giorni orsono predetto personale erano venuti a sostituirmi il contatore con quello nuovo digitale. Una volta provveduto alla sostituzione, effettuavano una prova e riscontravano una perdita. Ho provveduto personalmente a contattare un idraulico per risolvere il problema. Premetto che la mia casa è stata acquistata un anno fa, ed è stata ristrutturata dopo l'acquisto con tutti gli impianti nuovi (acqua e gas ecc). Ad oggi mi trovo ancora con il contatore chiuso e forse dovrò rifare impianto gas in casa. Chiedo dei consigli come intervenire. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-21 16:06
Ricontatti la ditta che Le ha realizzato l'impianto gas!!!
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-09-14 06:45
Buongiorno, vorrei sapere se nel 2018 è possibile far installare il rubinetto del gas in cucina dentro ad uno scaffale accanto ai fornelli, o in uno sportellino incassato nel muro sopra i ripiani della cucina, o se necessariamente deve stare sotto al lavabo, per essere considerato "facilmente accessibile". I miei fornelli sono a distanza maggiore, misurando lungo le pareti, di due metri dal lavello e vorrei restare conforme alle normative. Grazie anticipatamente!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Chi sono: Vincenzo Madera - Ingegnere laureato all'Università degli Studi di Firenze. Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter. Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè, Bei e Nannini, Novaservice. 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo