Quali sono i principali sistemi di regolazione degli impianti termici di riscaldamento. Termostato, valvola termostatica, sonda climatica, zona, ambiente, p, pi, pid. Sistemi di regolazione evoluti per la detrazione risparmio energetico 65%.

regolazione temperatura impianto termostato valvole termostatiche pid

Un elemento fondamentale dell'impianto di riscaldamento, oltre ai terminali (radiatori, fancoil o impianto a pavimento) e al generatore (caldaia a condensazione, a pellet, impianto fotovoltaico etc), è il sistema di regolazione della temperatura.

Il sistema di regolazione deve regolare costantemente la potenza emessa dai radiatori a seconda della temperatura che vogliamo all'interno del nostro appartamento (set-point), considerando anche gli apporti esterni.

Prima di procedere occorre definire alcuni concetti:

  • Termostato: dispositivo che, rilevando se all'interno dell'abitazione la temperatura è minore, pari o superiore a quella impostata, aziona la caldaia e di conseguenza i radiatori. Può essere di tipo on/off (generatore si accende e si spegne con potenza costante) o modulante (regola la potenza fornita).  Il termostato modulante costa circa il 40% in più.

Se permette anche di impostare i periodi di accensione è detto cronotermostato.

  • Sonda: dispositivo per la raccolta dei dati;

  • Valvola termostatica: elemento applicato direttamente sulla mandata del radiatore. Regola il flusso di ingresso dell'acqua nel terminale e ne varia il calore ceduto;

  • Zona: intera unità immobiliare o parte specifica di essa (es. zona notte, zona giorno);

Quali sono i sistemi di regolazione in commercio: climatica, ambiente, zona.

Abbiamo 5 combinazioni di regolazione: 

1. Solo climatica (compensazione con sonda esterna):

Sonda esterna applicata alla caldaia (controlla quindi la generazione di calore) o alla valvola di miscelazione (controlla la miscelazione di acqua fredda e calda).

Il sistema, misurando la temperatura esterna dell'ambiente, tiene conto degli apporti esterni.

Non regola direttamente la temperatura dell'ambiente, ma la temperatura di mandata dell'acqua.

Definisce qualsiasi set-point (nel caso di edifici residenziali la legge indica 20°) di impianto in funzione della temperatura esterna (temperatura esterna--->temperatura di mandata). Se compensata definisce qualsiasi set-point di impianto in funzione della temperatura esterna e della risposta dell’ambiente interno.

2. Solo ambiente con regolatore: Valvole termostatiche + cronotermostato ambiente on/off oppure modulante che comanda la caldaia nel caso di impianto autonomo. Solo valvole termostatiche nel caso di centralizzato (condominio)

3. Climatica + ambiente con regolatore: Presenza di sistema descritto ai punti 1 e 2.

4. Solo zona con regolatore:

Valvole di zona comandate da cronotermostato ambiente (on/off oppure modulante) nel caso di centralizzato oppure cronotermostato nel caso di impianto autonomo.

5. Climatica + zona con regolatore: Presenza di sistema descritto ai punti 1 e 4.

E' possibile considerare ulteriori regolazioni maggiormente evolute, che possono avere un'azione proporzionale P (controllo sul valore all’istante della temperatura ambiente), un'azione integrale I (controllo basato sui valori passati della temperatura ambiente) e/o un'azione derivativa (controllo sulla previsione della variazione della temperatura ambiente).

1. P banda proporzionale 0,5-1-2 °C-…. : Regolatore modulante con sensibilità 0,5-1-2-…°C.

Esempio: regolazione con banda 2 °C (significa che, se il set è 20°C, a 21°C la valvola è tutta chiusa , a 19°C è tutta aperta, nei valori intermedi l'apertura varia linearmente).

Un dispositivo che funziona a banda proporzionale è la valvola termostatica: rileva la temperatura dei locali e agisce aprendo e chiudendo progressivamente le valvole; Permettono termoregolazione per singolo ambiente.

2. sistemi di regolazione climatica più efficaci:

  • PI è una regolazione elettronica che utilizza la combinazione di due funzioni di controllo (Proporzionale ed Integrale); 

  • PID è una regolazione elettronica che utilizza la combinazione di tre funzioni di controllo (Proporzionale, Integrale e Derivativa).

Detrazioni fiscali risparmio energetico 2018: sistemi di regolazione evoluti classe V - VI - VIII

Per la legge di stabilità, per ottenere il bonus per il risparmio energetico al 65%, oltre alla caldaia a condensazione di classe A, occorre installare sistemi di termoregolazione evoluti.  Questi sistemi sono di tipo modulante e integrati con sensori ambientali.

Vediamoli in dettaglio:

Classe V – Termostato d’ambiente modulante, destinato all’uso con apparecchi di riscaldamento modulanti: un termostato elettronico ambientale che varia la temperatura del flusso dell’acqua lasciando che l’apparecchio di riscaldamento dipenda dalla deviazione fra la temperatura ambientale misurata e il punto d’analisi del termostato stesso. Il controllo è effettuato modulando l’uscita dall’apparecchio di riscaldamento.

Classe VI – Centralina di termoregolazione e sensore ambientale, destinati all’uso con apparecchi di riscaldamento modulanti: un controllo della temperatura del flusso in uscita dall’apparecchio di riscaldamento che varia la temperatura di tale flusso secondo la temperatura esterna e la curva di compensa zione atmosferica scelta. Un sensore della temperatura ambientale controlla la temperatura del locale e adegua la sfasatura parallela della curva di compensazione per migliorare l’abitabilità del vano. Il controllo è effettuato modulando l’uscita dall’apparecchio di riscaldamento.

Classe VIII – Controllo della temperatura ambientale a sensori plurimi, destinato all’uso con apparecchi di riscaldamento modulanti: un controllo elettronico munito di 3 o più sensori ambientali che varia la temperatura del flusso d’acqua, lasciando che l’apparecchio di riscaldamento dipenda dalla deviazione fra la temperatura ambientale misurata aggregata e i punti d’analisi del termostato stesso. Il controllo è effettuato modulando l’uscita dall’apparecchio di riscaldamento”.

Aggiungi commento


Commenti  
# RIZIERO 2019-10-12 11:16
mi sembra che nessuno sa dirmi quale termostato devo comprare tante parole ma nessuno mi dice la marca ed il tipo di termostato da conprare per essere evoluto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Madera ing. Vincenzo 2019-10-13 09:36
Per togliersi i dubbi chiami l'azienda produttrice della caldaia che vuole comprare...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# gianfranco 2019-01-31 21:32
Buona sera relativamente al discorso valvole termostatiche e conseguente funzionamento dei caloriferi, perchè il 99% degli articoli presenti sul web che trattano questo tema danno sempre x scontato che sia normale come conseguenza del corretto funzionamento delle valvole avere i caloriferi bollenti sopra e freddi sotto. Non credo che a regime sia una cosa normale, certro la differenza tra il sopra ed il sotto per una distribuzione a colonne verticali ci stà... ma non credo sia normale avere i caloriferi a 70 C° sopra e 30 sotto ... Perchè nessuno mette mai in evidenza la possibilità che l'impianto (sfiatato correttamente ) non abbia la pressione adeguata per fare circolare adeguatamente l'acqua all'interno del corpo scaldante ? grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Francesco 2018-11-14 16:34
Buon pomeriggio, per poter accedere ala detrazione fiscale del 65% sto acquistando una caldaia a condensazione A+ e necessariamente abbinare un sistema di termoregolazione evoluto appartenente alla classe V, VI o VIII; ma come faccio a scegliere questo sistema se sconosco quale siano gli elementi fondamentali? Cosa basterebbe acquistare al fine di poter classificare il mio impianto evoluto? Un grazie preventivo ...Francesco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-11-14 19:48
Lo chieda ai rivenditori, se trattasi di sistema evoluto...ma ormai lo sono tutti...saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# IRENE 2018-11-14 09:56
Buongiorno, desidererei un chiarimento riguardo al tipo di detrazione fiscale di cui potere beneficiare, se per ristrutturazione edilizie 50% o efficentamento energetico 65%. Abbiamo sostituito in casa i vecchi termosifoni con dei nuovi dotati, a differenza dei primi, di valvole termostatiche. Si tratta di un intervento su impianto di riscaldamento autonomo, non condominiale centralizzato. Di quale detrazione beneficiare? In ogni caso oltre al pagamento con bonifico parlante serve altro? Grazie in anticipo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# maurizio 2018-10-28 20:26
Ciao, vorrei sapere: per accedere alla detrazione al 65% insieme alla caldaia basta acquistare un termostato,oppure si devono abbinare necessariamente anche le valvole termostatiche?. Basta infine presentare la sola fattura dal commercialista? Si sa' se anche per il 2019
si rinnoverà tale detrazione? Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-10-29 09:14
Ciao Maurizio, basta sia un sistema evoluto il termostato...occorre il bonifico parlante...ancora no
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Chi sono: Vincenzo Madera - Ingegnere laureato all'Università degli Studi di Firenze. Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter. Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè, Bei e Nannini, Novaservice. 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo