Calcolo Superficie commerciale / calpestabile netta / catastale: differenza e definizioni. TARI - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Calcolo Superficie commerciale / calpestabile netta / catastale: differenza e definizioni. TARICalcolo Superficie commerciale / calpestabile netta / catastale: differenza e definizioni. TARI

Definiamo le regole per calcolare la superficie di un immobile a destinazione residenziale:

Nell’ambito della singola unità immobiliare indicheremo come si determina la:

  1. Superficie commerciale

  2. Superficie utile o netta calpestabile

SUPERFICIE COMMERCIALE:

Definizione vani principali, a servizio diretto, pertinenze comunicanti e non.

Nell’ambito della singola unità immobiliare indicheremo come si determina la:

  • superficie dei vani principali (nel residenziale soggiorno, cucina, camere, bagni, ingressi, disimpegni, corridoio) e di quelli a servizio diretto;

  • superficie delle pertinenze esclusive di ornamento ( balconi, le terrazze, i cortili, i patii, i portici, le tettoie), ovvero a servizio indiretto (cantine, soffitte, locali deposito) dei vani principali.

Le precitate pertinenze accessorie sono distinte in:

  • comunicanti con i locali principali, se sono ad essi collegate (es. allo stesso livello o se diverso con scala interna);
  • non comunicanti e non ad essi collegate, se con accesso indipendente ed esterno all’unità immobiliare.

Non possono considerarsi pertinenze esclusive annesse all’unità immobiliare, i locali accessori che per la loro dimensione potrebbero essere economicamente e fisicamente indipendenti dall’unità immobiliare.

Di seguito sono riportate alcune indicazioni valide sia nel caso di determinazione della superficie commerciale che di quella utile:

  • La superficie dei vani principali e degli accessori diretti, ovvero loro porzioni, aventi altezza utile inferiore a m.1,50 non entra nel computo, salvo particolari soluzioni architettoniche che saranno valutate caso per caso.
  • Le rientranze e le sporgenze realizzate per motivi strutturali o estetici e i profili, non sono compresi salvo che la loro superficie non risulti fruibile.
  • Per le unità immobiliari disposte su due o più piani, i collegamenti verticali interni alla stessa devono essere computati in misura pari alla loro proiezione orizzontale, indipendentemente dal numero dei piani collegati.

Non devono essere aggiunte alla singola unità immobiliare le quote di superfici relative a:

  1. scale, pianerottoli e ballatoi comuni;
  2. aree di uso comune (coperte e scoperte) rappresentate da terrazzi di copertura, stenditoi, lavatoi, atri di ingresso;
  3. appartamento del portiere (u.i. autonoma) e locali di guardiania;
  4. stradine private di accesso all’edificio;
  5. locali tecnici o locali di deposito comuni;
  6. sala riunione condominiale;
  7. spazi comuni (area occupata dalla chiostrina, dall’ascensore, dai cavedi, ecc)
  8. giardini, aree a verde e camminamenti di pertinenza dell’edificio.

Calcolo della superficie commerciale. Procedura

La superficie commerciale è pari alla somma:

superficie dei vani principali e degli accessori diretti, comprensiva della quota delle superfici occupate dai muri interni e perimetrali;

+

della superficie omogeneizzata delle pertinenze di uso esclusivo: di ornamento (terrazze, balconi, patii e giardini) e di servizio (cantine, posti auto coperti e scoperti, box, etc.).

Come misurare le superfici per determinare quella commerciale.

a) vani principali e accessori diretti

Nel caso di residenza (camere, soggiorno, bagni, ingressi, disimpegni)si determina misurando la superficie al lordo delle murature interne ed esterne perimetrali (queste ultime vanno considerate fino alla mezzeria nei tratti confinanti con le parti di uso comune o con altra unità immobiliare). I muri interni e quelli perimetrali esterni che sono computati per intero, sono da considerare fino ad uno spessore massimo di 50 cm, mentre i muri in comunione vengono computati nella misura massima del 50% e pertanto fino ad uno spessore massimo di cm. 25.

La superficie è arrotondata al metro quadrato per difetto o per eccesso (D.P.R. 138/98).

b) Pertinenze esclusive di ornamento dell’unità immobiliare

-per i balconi, le terrazze e similari la superficie si misura fino al contorno esterno;

- per i giardini o le aree scoperte di uso esclusivo dell’appartamento la superficie si misura fino al confine della proprietà ovvero, se questa è delimitata da un muro di confine in comunione o da altro manufatto, fino alla mezzeria dello stesso.

c) Pertinenze esclusive accessorie a servizio dell’unità immobiliare

La superficie delle pertinenze esclusive a servizio dell’unità principale si misura:

- per le cantine, le soffitte o utilizzazioni similari, al lordo dei muri perimetrali esterni e fino alla mezzeria dei muri di divisione con zone di uso comune (corridoi, lavatoi, scale ecc.) ovvero di altra destinazione o proprietà.

Superficie omogeneizzata pertinenze

a) Pertinenze esclusive di ornamento dell’unità immobiliare

1.La superficie utilizzata ad area scoperta o assimilabile è pari:

  • al 10% della superficie, fino alla superficie dell’unità immobiliare;
  • al 2% per superfici eccedenti detto limite.

2.Balconi, terrazzi e similari va computata come di seguito:

  • qualora le pertinenze siano comunicanti con i vani principali e con i vani accessori:- nella misura del 30%, fino a mq. 25;- nella misura del 10%, per la quota eccedente mq. 25;
  • qualora le pertinenze non siano comunicanti con i vani principali e con i vani accessori:- nella misura del 15% della superficie fino a mq. 25;- nella misura del 5% per la quota eccedente mq. 25.

b) Pertinenze esclusive accessorie a servizio dell’unità immobiliare

Per quanto concerne la superficie delle pertinenze accessorie, la stessa si computa nella misura:

  • del 50% qualora direttamente comunicanti con i vani principali e/o con i vani accessori;
  • del 25% qualora non comunicanti con i vani principali e/o accessori.

La superficie catastale si calcola con gli stessi principi ma percentuali diverse

SUPERFICIE UTILE LORDA O NETTA (CALPESTABILE) E TARI

Superficie utile lorda: si misura al netto delle murature esterne e al lordo delle pareti divisorie.

Superficie utile netta: si misura al netto delle murature esterne e al netto delle pareti divisorie interne. E’ quest’ultima che deve essere presa in considerazione come base imponibile del calcolo della Tari.

Per la determinazione della superficie utile delle pertinenze esclusive, esclusive accessorie e per il calcolo della superficie omogeneizzata, valgono le medesime regole viste nel paragrafo precedente.

Fonte: istruzione OMI

Madera Ing. Vincenzo
Author: Madera Ing. VincenzoEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ingegnere Civile

Laureato all'Università degli Studi di Firenze, dal 2014 co-titolare dello Studio Madera.
Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia.
Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse.

Comments powered by CComment

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

annoyingbanner

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo