CERTIFICATO SISMICO 2023. Guida, classificazione, costi, tempi e obbligo

Certificato (attestato) Sismico 2023. Guida su classificazione, che cos'è, quando è obbligatorio, costi, tempi.

attestato di classificazione sismica

Che cos'è il Certificato di Classificazione Sismica?

Il Certificato di Classificazione sismica è un documento mediante il quale un tecnico abilitato valuta ed asseverare qual è il rischio sismico a cui è sottoposto un determinato immobile. Per valutare la classe di rischio sismico, secondo il Decreto ministeriale  65 del 07/03/2017è possibile sfruttare il metodo convenzionale e il metodo semplificato (quest’ultimo con un ambito applicativo limitato, solo per edifici in muratura e può essere utilizzato sia per una valutazione preliminare indicativa).

Per la determinazione della classe di rischio tramite il metodo convenzionale si fa nel seguito riferimento a due parametri:

      • la Perdita Annuale Media attesa (PAM), che prende in considerazione le perdite economiche associate ai danni agli elementi strutturali e non, e riferite al costo di ricostruzione (CR) dell’edificio privo del suo contenuto;
      • l’indice di sicurezza (IS-­V) della struttura, definito come il rapporto tra l'accelerazione di picco al suolo (PGA, Peak Ground Acceleration), che determina il raggiungimento dello Stato Limite di salvaguardia della Vita (SLV), capacità in PGA–PGAC, e la PGA che la norma indica, nello specifico sito in cui si trova la costruzione e per lo stesso stato limite, come riferimento per la progettazione di un nuovo edificio, domanda in PGA-­‐PGAO. L’indice di sicurezza (IS-­‐V) della struttura è meglio noto ai tecnici con la denominazione di “Indice di Rischio”.

pam is v classe rischio sismico 1

La classe di Rischio si individua mettendo in confronto i due parametri e scegliendo la classe più bassa (più rischio)

L'attestazione è a carico del proprietario dell’edificio, singolo o costituente un condominio, deve essere depositata presso l’Ufficio del Genio Civile competente per territorio e deve essere eseguita da tecnici qualificati, con comprovate competenze specifiche nel settore.

Quali sono le classi di rischio Certificato di Classificazione Sismica?

Sono state definite 8 classi di rischio: A+, A, B, C, D, E, F, e G.

Gli edifici in classe G, si trovano nelle condizioni di rischio sismico massime previste, mentre se un immobile viene classificato con rischio A+ si trova nelle condizioni di rischio minime previste. La classe non indica altro che il grado di affidabilità sismica dell’edificio. L’indice di prestazione sismica scaturisce dall'analisi sismica del fabbricato, tenuto conto dell’ubicazione, della classe d’uso, delle caratteristiche costruttive, dei materiali strutturali impiegati ecc.

La classe deve essere inserita nell'Allegato B da consegnare per ottenere gli sgravi del Sismabonus. La differenza tra la classificazione tra stato di fatto e stato di progetto può permettere o meno l'accesso all'incentivo. Questo requisito non è richiesto per il Supersismabonus.

Quando è obbligatorio il Certificato di Classificazione Sismica e quali sono i tempi per ottenerlo?

La classificazione sismica è necessaria per ottenere gli incentivi riguardanti interventi strutturali su edifici esistenti.

I tempi dipendono da molti fattori e non sono facilmente stimabili. 

 

Durata e scadenza del Certificato di Classificazione Sismica?

L’ Attestato ha validità temporanea limitata e non superiore alla vita nominale della struttura analizzata (nel caso di nuovi edifici). Non è soggetto a decadenza nel caso di emanazione di aggiornamenti normativi successivi a quelli per i quali è stato redatto l'attestato stesso e che potrebbero intervenire durante il periodo di validità. Del documento, tuttavia, si prevede un eventuale aggiornamento, a seguito di verifica decennale dello stato di conservazione ed uso dell'edificio, a partire dalla data di prima classificazione. Qualora invece sull'edificio siano intervenuti significativi cambiamenti strutturali, si dovrà procedere, necessariamente, ad una nuova classificazione, dalla quale ripartiranno, in via temporale, le verifiche e i controlli decennali di cui sopra.

Contenuti del Certificato di Classificazione Sismica?

L’ Attestato di Certificazione Sismica (nuovi edifici) comprende:

- i dati identificativi dell’edificio (ubicazione, dati catastali, dati georeferenziati);

- i dati identificativi del Progettista e Direttore dei Lavori (architettonici e strutturali), dell’Impresa costruttrice e del Collaudatore statico;

- i riferimenti alla pratica strutturale depositata presso l’Organo competente (genio civile);

- la scheda di sintesi attestante l’indice di prestazione sismica e la correlazione dei parametri di calcolo con i parametri di riferimento.

Quanto costa il Certificato di Classificazione Sismica?

Si tratta di un elaborato difficilmente prezzabile. Dipende da troppi fattori per poterti indicare un costo puntuale.

Spero che l'articolo ti sia stato utile. A presto, Vincenzo

 

Accetto Informativa sulla privacy

____________________________

 

CHI SONO?

Ciao, sono Vincenzo e amo tutto ciò che riguarda l’edilizia.

Vincenzo MaderaFin da ragazzo, mio padre Gennaro mi portava sui cantieri. Quell'ambiente fatto di persone umili, gentili e simpatiche mi ha colpito. Proprio per questo motivo, ci passerei intere giornate, bevendo pessimi caffè e ascoltando le strabilianti avventure dei muratori, per poi tornare in studio a scrivere articoli.

Ecco la mia seconda passione. Mai avrei pensato di creare un blog. Eppure, a sorpresa le pagine del mio sito vengono lette circa 60.000 volte ogni giorno. Parlo di edilizia, strutture, impianti, energetica e interior design.

Spero che, grazie al web, diventeremo amici:

facebook  linkedin youtube insta

_________________________________