Materassi in Memory foam o con molle insacchettate? Quale acquistare?

Pro e contro dei materassi in memory foam rispetto alle molle indipendenti insacchettate: resistenza, comodità, traspirabilità e durata.

Materassi in Memory foam molle insacchettate

Acquistando un materasso è come se scegliessi un abito o un paio di scarpe che indosserai almeno per i prossimi 10 anni, tutti i giorni. Vale la pena spendere qualcosina in più?

Oggi, sono due le tecnologie più diffuse:

    •  materassi in memory foam;
    • materassi a molle indipendenti insacchettate;

In commercio, esistono anche materassi ibridi che sfruttano entrambe le tecnologie. Diciamo che, spesso i materassi con le molle insacchettate vengono resi "più accoglienti" tramite uno strato di memory o acquatech.

Partiamo con la tecnologia più recente:

Molle indipendenti insacchettate

I materassi a molle indipendenti sono costituiti da molle contenute ognuna in un sacchetto che agiscono in modo indipendente l’una dall’altra, adeguandosi ad ogni minimo movimento. 

L'indipendenza delle molle permette di realizzare materassi a zone differenziate con molle di diversa portanza per le diverse
zone del materasso, così da sostenere correttamente il corpo in tutti i suoi punti e in tutte le sue posizioni. 

Un materasso a molle di qualità è caratterizzato da un elevato numero di molle. Maggiore è il numero di molle, maggiori saranno i punti di
appoggio del corpo, maggiore sarà il comfort. Viene considerato un buon prodotto un materasso singolo costituito da almeno 400 molle, 800 per il matrimoniale. Si possono raggiungere le 7.000 molle, esagerati..

Di solito, le molle vengono contenute da una fascia perimetrale rigida.

Come ti accennavo, spesso le molle sono sormontate da uno spessore di circa 4 centimetri di materiali quali aquatech o memory Foam che conferiscono morbidezza ed accoglienza.

A differenza delle molle classiche interconnesse, questo materasso non respinge ma accoglie. 

Tra i vantaggi delle molle insacchettate abbiamo:

      • robustezza: su prodotti di buona qualità, le molle garantiscono un ottimo sostegno;
      • traspirabilità: sicuramente, specialmente d'estate, questi materassi offrono una maggiore sensazione di fresco rispetto al competitor memory. Difatti, essendo il memory un prodotto termoregolante, quest'ultimo si regolerà in base alla temperatura del nostro corpo. In pratica, essendo un materiale avvolgente, qualcuno sostiene di soffrire il caldo in estate;
      • durata. Questa caratteristica potrebbe essere intaccata acquistando molle economiche che rischiano di scaricarsi nel tempo;
      • ergonomia inferiore rispetto al memory. Se le molle non sono sufficienti e sono caratterizzate da una portanza uniforme sarà difficile garantire un supporto differenziato. Voglio precisare che i prodotti di qualità non hanno questi problemi.

Passiamo al nemico delle molle:

Memory foam

I materassi in Memory Foam sono costituiti da schiume di poliuretano eco-compatibili e atossiche. Sono caratterizzati da un comportamento simile alla spugna naturale. In pratica, si modellano in base al peso e il calore del corpo e sfruttano la loro ‘memoria’ per ritornare alla forma originaria. Tutto ciò permette di minimizzare i punti di eccessiva pressione tra corpo e materasso.

Sul mercato potresti trovare materassi in memory con spessore che varia dai 14 cm ai 25 cm. Direi che un buon materasso dovrebbe essere alto almeno 18 cm.

I vantaggi di un buon prodotto in memory sono:

      • adattamento anatomico SUPER: distribuiscono il peso del tuo corpo in modo uniforme, come se fosse composto da milioni di molle.
      • come i materassi a molle, non richiedono particolare manutenzione;
      • a parità di qualità, il costo è il medesimo del materasso a molle indipendenti;
      • è antimuffa e anti-acaro al 100%;
      • sono termoregolanti. Come dicevo, la temperatura di questi materassi dipende anche dalla temperatura del nostro corpo e quindi d'estate potrebbero essere meno "freschi" rispetto al materasso a molle. Sui prodotti di bassa qualità, d'estate preferirai il pavimento, fidati;
      • traspirabilità, garantita solo su prodotti di buona fattura;

Ibrido

Esiste una via di mezzo, il materasso con molle indipendenti insacchettate con uno strato sommitale in memory. In realtà, è la soluzione per cui ho optato io, in quanto, provando questo materasso, ho da subito percepito una sensazione di comfort. Ma non voglio influenzarti nella scelta, ciò che è comodo per me, potrebbe essere una tortura per te!

Confronto

Riassumiamo e confrontiamo le caratteristiche dei due prodotti, basandoci su prodotti di qualità alta e non economici:

CARATTERISTICHE

MEMORY

MOLLE

Traspirabilità

7/10

9/10

Antiacaro

10/10

7/10

Comfort invernale

9/10

8/10

Adattamento

anatomico

10/10

8/10

Manutenzione

9/10

9/10

Freschezza

7/10

9/10

 

Opinioni dal web

Fino ad ora, abbiamo parlato della teoria, passiamo alla pratica. Vediamo le opinioni e le recensioni del web:

Elvira: "Lattice e Memory assolutamente no! Sono improponibili in estate! Ti garantisco che le molle insacchettate sono il top! Per benessere e durata!"

Enza: "Escludi il memory, gli altri sono più freschi."

Emma: "Io sono stata la prima a passare dalle molle al memory. A ruota abbiamo sostituito i materassi in tutta la famiglia: genitori, sorelle, nipoti ecc. A mio giudizio, come si dorme sul memory su nessun altro prodotto. Ovviamente, dipende dal prodotto che acquisti. Il mio materasso accoglie ma non riscalda. Non tornerei mai più alle molle anche per una questione di campi elettromagnetici. Un consiglio, prova tanti materassi in quanto esistono gradi di rigidità differenti."

Sfatiamo il mito dei campi elettromagnetici: le molle non sono attraversate da corrente e non possono quindi generare un campo elettromagnetico!

Angela: "Io dormo su un materasso memory foam e non lo cambierei con nessun altro tipo! Non emana assolutamente calore!"

Milena: "Il memory trattiene il calore. Io ho comprato un materasso in molle con uno strato in memory. Ci dormo da 12 anni (due materassi cambiati) e mi trovo benissimo.

Liliana: "No memory. Noi ci dormiamo nella casa in montagna, mio figlio lo detesta perché scalda."

Matteo: "Molle insacchettate + memory, oppure un materasso con memory gel o comunque termoregolante. Assolutamente no lattice."

Lisa: "Io ti suggerisco il materasso con molle insacchettate, poiché il memory dopo un po’ di tempo si deforma, il Lattice ancora peggio. Le molle assicurano il sostegno e lo strato di memory il comfort."

Mina: "Anche io come te, ho bisogno di un materasso rigido, su cui "scivolare" senza affossare. Dopo anni di prove e mal di schiena con memory foam, lattice e altro, sono giunta alla conclusione che volevo le molle e la lana. Ho speso circa 700 euro, ho presoun materasso alto circa 30 cm con queste caratteristiche."

Alessia. " Noi abbiamo un letto matrimoniale con 1600 molle insacchettate a portata differenziata e uno strato di memory da 4cm. Mai fatta scelta migliore, non ho più mal di schiena. In più, il mio materasso su un lato è più duro e sull'altro più morbido."

Salvo: "Ti consiglio le micro-molle insacchettate e almeno 6 centimetri di Memory."

 

 

Raffaela: "Schiena rotta da una vita, ho recentemente cambiato e preso un materasso di buona qualità a molle insacchettate. Mi trovo bene, è molto più sostenuto del memory e nettamente più fresco d'estate. Chiaro che, se ti affidi alle pubblicità in tv e compri un matrimoniale a 200 euro, la qualità te la puoi scordare."

Giorgia: "Trovo molle insacchettate solo con il maledetto memory."

Assunta: "Io ho comprato un materasso in memory pochi mesi e si è impressa la mia sagoma😡."

Stefy:  "Guarda, io ho un materasso in lattice rigido da molti anni. Ho il problema contrario rispetto al tuo, ho bisogno di morbidezza. Ho risolto con un topper di lana, ma rimane comunque rigido, quindi ti consiglierei un lattice duro!"

Quali sono le migliori marche e le opinioni?

Su questo argomento ho scritto un articolo super: scopri di più.

Che grado di durezza scegliere?

Il grado di durezza dipende sostanzialmente da tre fattori:

      • il peso;
      • la statura;
      • la posizione abituale assunta nel sonno.

Le persone più esili dovrebbero indirizzarsi verso materassi meno rigidi.

Inoltre, il grado di durezza dipende dai gusti personali . Quindi, per comprendere quale sia il materassi più adatto a te è indispensabile provare di persona le diverse rigidezze disponibili sul mercato.

Che tipo di manutenzione occorre?

Per entrambe le tipologie è consigliabile ruotare il materasso periodicamente testa-piedi. Se il materasso fosse sfoderabile, ti consiglio di lavarlo periodicamente.

Spero che l'articolo ti sia stato utile, a presto. Vincenzo

 

Accetto Informativa sulla privacy

____________________________

 

CHI SONO?

Ciao, sono Vincenzo e amo tutto ciò che riguarda l’edilizia.

Vincenzo MaderaFin da ragazzo, mio padre Gennaro mi portava sui cantieri. Quell'ambiente fatto di persone umili, gentili e simpatiche mi ha colpito. Proprio per questo motivo, ci passerei intere giornate, bevendo pessimi caffè e ascoltando le strabilianti avventure dei muratori, per poi tornare in studio a scrivere articoli.

Ecco la mia seconda passione. Mai avrei pensato di creare un blog. Eppure, a sorpresa le pagine del mio sito vengono lette circa 60.000 volte ogni giorno. Parlo di edilizia, strutture, impianti, energetica e interior design.

Spero che, grazie al web, diventeremo amici:

facebook  linkedin youtube insta

_________________________________