Obbligo foro aerazione e ventilazione in cucina a gas 2021 | dimensioni

Quando è obbligatorio il foro di aerazione e ventilazione in una cucina a gas metano o GPL e quali sono le dimensioni?

Obbligo foro aerazione e ventilazione in cucina a gas

Il piano cottura della cucina a gas (metano o GPL), dal punto di vista impiantistico è un apparecchio di tipo A: il prelievo dell’aria necessaria per la combustione e l’evacuazione dei fumi avvengono nel locale stesso.

Proprio per questo motivo, l'ambiente deve essere aerato e ventilato:

    • la ventilazione è necessaria per il ripristino dell’aria consumata nella combustione;
    • l'aerazione è necessaria per il ricambio dell’aria al fine di smaltire i prodotti della combustione ed evitare miscele con un alto quantitativo di gas;

A disciplinare ciò, ci ha pensato la UNI 7129. Nel proseguo prenderemo in considerazione i fornelli di casa (4 fuochi) che hanno potenze termiche pari a 7-9 kW, e quindi inferiori a 35 kW.

La ventilazione è sempre obbligatoria per la cucina?

La risposta è si: è sempre necessario realizzare almeno un foro su una parete esterna per la ventilazione dei locali ad una altezza non superiore a 30 cm, di sezione utile 100 mm². Quindi, se il foro fosse di sezione circolare, occorrerebbe un tubo di 120 mm di diametro.

Sono consapevole che questi fori, seppur grigliati, creeranno degli spifferi e saranno antiestetici, ma sono fondamentali per la sicurezza. Una mia amica ha installato sul foro di ventilazione una griglia mobile che permette la chiusura del buco. Ti sconsiglio ciò, sia perché è vietato, sia perché dovresti ricordarti di riaprire la griglia ogni qualvolta accendi i fornelli.

In pratica, questi fori non devono essere ostruiti da nessun oggetto, neanche dai mobili.

 

L'aerazione è sempre obbligatoria per la cucina?

In linea generale, per garantire l'areazione è obbligatorio realizzare un foro ad una altezza non inferiore a 180 cm, di sezione 100 cm² (se di sezione circolare, minimo 120 mm di diametro).

In realtà, è possibile evitare la ventilazione qualora:

    • l’apparecchio di cottura sia provvisto di dispositivo di sorveglianza di fiamma (o termocoppia). Questo sistema interrompe l'alimentazione del gas in assenza della fiamma. In questo caso, eviteresti pericolose fughe di gas. Quindi, oltre alla scintilla per l'accensione del fornello, dovresti avere un secondo dispositivo in prossimità della fiamma.

scintilla e termocoppia controllo fiamma 

    • l’aerazione fosse garantita da una cappa di aspirazione a tiraggio naturale o munita di ventilatore, con portata minima di 2 mc/h ogni kW di portata termica installata.  La cappa d0vrà espellere i residui della combustione direttamente all’esterno. In alternativa, è possibile utilizzare un elettroventilatore, sempre con portata minima di 2 mc/h ogni kW di portata termica installata, collocato sulla parte alta della parete esterna della cucina. L’elettroventilatore può essere installato anche sugli infissi esterni. La cappa o l’elettroventilatore devono essere messi in funzione per tutto il periodo di funzionamento degli apparecchi di cottura. Non sono contemplate le cappe con filtri a carboni attivi che non scaricano all'esterno.
    • in cucina non ci siano ulteriori impianti di tipo A o B;
    • la portata termica installata in cucina sia inferiore ai 15 kw; di solito, il piano cottura residenziale ha una portata compresa tra i 7 e i 9 kW. Ma bisogna considerare anche il forno.

Cucine alimentate da bombole a gpl.

In caso di locali che ospitano bombole GPL trasportabili, che a loro volta alimentano apparecchi per uso domestico e similari, la dimensione delle aperture di ventilazione e la caratteristiche della cucina sono disciplinate dalla norma tecnica UNI CIG 7131, pertanto al fine di garantire il rispetto delle norme e la sicurezza dei locali dovrai avvalerti di un tecnico qualificato (installatore, manutentore, ecc. ).

Cucina con fornello e caldaia a condensazione (tipo c)

Nel caso in cui in cucina, oltre al piano cottura, venga installata anche una caldaia a condensazione di tipo C (circuito a tenuta rispetto al locale), il locale, oltre ai due fori, deve essere aerabile.  Ciò può essere garantito da aperture apribili e comunicanti direttamente con l’esterno come porte, finestre, lucernari, ecc. Sono considerati aerabili anche i locali dotati di aperture non direttamente comunicanti con l’esterno ma comunicanti con almeno due locali dotati di aperture apribili e comunicanti direttamente con l’esterno.

Spero che l'articolo ti sia stato utile. A presto, Vincenzo.

 

____________________________

 

CHI SONO?

Ciao, sono Vincenzo e amo tutto ciò che riguarda l’edilizia.

Vincenzo MaderaFin da ragazzo, mio padre Gennaro mi portava sui cantieri. Quell'ambiente fatto di persone umili, gentili e simpatiche mi ha colpito. Proprio per questo motivo, ci passerei intere giornate, bevendo pessimi caffè e ascoltando le strabilianti avventure dei muratori, per poi tornare in studio a scrivere articoli.

Ecco la mia seconda passione. Mai avrei pensato di creare un blog. Eppure, a sorpresa le pagine del mio sito vengono lette circa 60.000 volte ogni giorno. Parlo di edilizia, strutture, impianti, energetica e interior design.

Spero che, grazie al web, diventeremo amici:

facebook  linkedin youtube insta

_________________________________

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo