Porte blindate guida: quali sono le migliori marche e modelli, con recensioni e opinioni, i costi, prezzi e la scelta sulla base delle classi di sicurezza.

MIGLIORI PORTE BLINDATE. Costi prezzi scelta

Se stai pensando all'acquisto di una porta blindata, il momento è perfetto. Infatti, grazie ai notevoli passi in avanti della tecnologia e alle detrazioni dell'agenzia delle entrate farai un ottimo investimento.

E' inutile illuderti, installando una porta blindata non la renderai a prova di ladro, ma rallenterai la sua azione. In linea generale, un ladro preferisce forzare porte più "leggere" perchè il tempo, in questi casi, svolte un ruolo fondamentale.

In questa guida, ti guiderò in una scelta consapevole sulle porte blindate da esterno. Entrerò nel dettaglio per quanto riguarda: le caratteristiche, le classi di sicurezza, il risparmio energetico, i prezzi e specialmente le recensioni e le opinioni raccolte dal web.

Partiamo. Prima di tutto, è importante conoscere le caratteristiche da prendere in considerazione prima dell'acquisto di un portoncino blindato:

Scelta: quali sono le classi di sicurezza di una porta blindata?

Le porte blindate sono classificate in 6 classi di resistenza all'effrazione, il livello 1 è il più basso, il 6 è quello più alto. Le porte rientranti nella classe 1 sono le più semplici da scassinare, mentre quelle certificate in sesta classe sono le più sicure. Ogni classe garantisce efficacia rispetto a determinati attrezzi di scasso e tempi più o meno lunghi di resistenza. Naturalmente il prezzo del portone salirà con l'aumentare della classe. Per capire in modo indicativo le differenze, la classe 1 è efficace contro chi utilizza solo la forza fisica per aprire la porta. La classe 2 è invece in grado di resistere a tentativi di scasso con attrezzi semplici (cacciavite, tenaglie eccetera). Per la porta di classe 3, il test prevede anche l'uso di un piede di porco e simili. Mentre la classe 4 è adatta a respingere uno scassinatore esperto, che può servirsi anche di seghe, accette, scalpelli e trapani portatili a batteria. Si aggiungono poi attrezzi elettrici più sofisticati come le seghe a sciabola (classe 5) e ad alta potenza (classe 6).

In base alla classe, sono richiesti tempi netti massimi di attacco da 3 a 20 minuti, mentre i tempi totali – che includono l'osservazione, la preparazione degli attrezzi, il cambio punte – vanno da 15 a 50 minuti.

Vediamo nel dettaglio:

 CLASSE

 ATTREZZI  

TEMPO RESIST.

MIN-MAX 

 1

 è efficace contro chi utilizza solo

la forza fisica per aprire la porta

 non testato

 2

 è in grado di resistere a tentativi di scasso

con attrezzi semplici, cacciavite, tenaglie eccetera.

 3 – 15 min

 3

 è in grado di resistere a tentativi di scasso

con martelli, scalpelli, piede di porco.

 5 – 20 min

 4

 è adatta a respingere uno scassinatore esperto,

che può servirsi anche di seghe,

accette, scalpelli e trapani portatili a batteria.

 10 – 30 min

 5

 come la classe 4 ma con l’aggiunta

di attrezzi elettrici più sofisticati

come le seghe a sciabola, trapani elettrici, seghe circolari

 15 – 40 min

 6

 come la classe 5 ma considerando

attrezzi elettrici ad alta potenza

 20 – 50 min

 

In breve:

  • La classe 2 è consigliata in un condominio, dato che la forzatura richiede attività rumorose, che, vista la presenza di vicino, tendono a disincentivare i ladri.
  • La classe 3 è consigliata per appartamenti signorili, con beni di lusso o comunque quando la porta è fronte strada.
  • La classe 4 è preferibile per villette e case unifamiliari.
  • Le classi 5 e 6 sono più adatte ai negozi (es. gioiellerie).

Naturalmente, nulla vieta di usare classi maggiori per i vari immobili. Ne consegue che: una maggiore classe, comporta costi maggiori.

Altre caratteristiche

Ci sono, inoltre, altre caratteristiche che aumentano il livello di protezione o la comodità d'uso:

  • la serratura motorizzata a gestione elettronica;
  • realizzazione con materiale ignifugo (resistente al fuoco);
  • serratura dotata di display e chiave elettronica;
  • defender, placca in acciaio posta davanti alla serratura nella zona di inserimento della chiave
  • serratura automatica autobloccante
  • apertura con telecomando
  • serratura con riconoscimento dell’impronta digitale
  • serratura con chiavi a duplicazione protetta

Naturalmente, più opcional integrerai, maggiore sarà il prezzo della porta. Ma fortunatamente, grazie alle detrazioni, potrai risparmiare:

Quali sono le detrazioni fiscali (Bonus risparmio energetico) per porte blindate? 

Ottime notizie. E' possibile optare per due tipi di detrazioni, non cumulabili, entrambe al 50%:

1. la detrazione fiscale per le ristrutturazioni del 50% è concessa in caso di installazione di porte blindate all'interno di un intervento di manutenzione straordinaria;

2. l’agevolazione fiscale per lavori di risparmio energetico è concessa nel caso che  il portone installato abbia determinate caratteristiche di risparmio energetico.

Ma in cosa consistono queste detrazioni fiscali? Immaginiamo di spendere 10.000 € per la porta blindata (comprensivo di maniglia in oro puro!!). Oggi l'Agenzia delle Entrate restituisce il 50 % in detrazioni Irpef. Quindi, l'agenzia, non ti verserà sul conto 5.000 € (50% di 10.000 €) ma ti restituirà la somma scalandola dalle tasse future, in 10 rate annuali. Ogni anno pagherai 500 € in meno di tasse. 

In entrambi i casi occorre depositare la pratica Enea, con asseverazione di un professionista.

Per entrambe le agevolazioni è necessario effettuare i pagamenti tramite specifico bonifico bancario parlante, cioè con determinate diciture. Molte banche hanno predisposto dei bonifici pre-compilati. Sicuramente attraverso la home-banking troverete questo servizio. Altrimenti vi segnaliamo le corrette diciture delle causali:

Causale bonus 50 % ristrutturazione edilizia per porte blindate 

Bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall'articolo 16-bis del Dpr 917/1986 – Pagamento fattura n. ___ del___ a favore di ___ partita Iva ___”.

Causale ecobonus 50% risparmio energetico per porte blindate con alte prestazioni energetiche

“Bonifico relativo a lavori di riqualificazione energetica che danno diritto alla detrazione prevista dall'articolo 1, commi 344-347, legge 27 dicembre 2006, n. 296. – Pagamento fattura n. ___ del___ a favore di ___ partita Iva ___”.

Inoltre, per l'installazione, sarete soggetti a un'IVA del 10% e non del 22%. Mentre, sulla fornitura della porta,  il 10% si applica soltanto fino a concorrenza del valore della prestazione, considerato al netto del valore dei beni stessi. Esempio: Costo totale dell’intervento 10.000 euro di cui 4.000 euro è il costo per la prestazione lavorativa, 6.000 euro per l'acquisto del portone. L’Iva al 10% si applica sulla differenza tra l’importo complessivo dell’intervento e il costo della porta: 10.000 - 6.000 = 4.000. Sul valore residuo del costo della porta (pari a 2.000 euro), l’Iva si applica nella misura ordinaria del 22%.

Per approfondire ti consiglio la guida completa sulle detrazioni fiscali.

Quali sono le migliori marche e modelli di porte blindate, con recensioni e opinioni?

In questo paragrafo, indicherò le migliori marche e modelli di portoncini blindati. Inoltre, ho pensato potesse esserti utile una raccolta delle opinioni e recensioni raccolte sul web e segnalate dai nostri lettori. Aiutaci, qualora tu abbia qualche riscontro, segnalandoci pregi e difetti delle case produttrici. Grazie.

Partiamo da Garofoli:

Dolcemaga su un forum sostiene: "La marca è indiscutibilmente di pregio. La durata e qualità sono ineccepibili ma... solo un difetto: se hai un budget limitato... evitale!"

Simone 88 difende la casa produttrice: "Non capisco come facciano a non piacere le Garofoli, ditta serissima, grande quantità di modelli, specializzata in porte e prezzi allineati agli altri. Alla fine, forse, non sono migliori di tutti gli altri ma sicuramente non peggiori."

Per quanto riguarda Fedeli:

Angela: "io ho una porta blindata Fedeli, pare che siano molto affidabili, a detta di chi se ne intende (mi informai parecchio quando la scelsi!)........infatti l'abbiamo pagata un bel po', circa € 4.000, 6 anni fa."

Darsh: "Anche io finora ho avuto una porta Fedeli (saranno 20 anni), e posso assicurare la sua altissima robustezza e sicurezza, soprattutto per quanto riguarda le serrature."

Dierre:

Smemohd: "io sono ancora partner Dierre, nonostante sia passato negli anni attraverso altre marche come Alias, Gardesa ed altre. Sono tornato all'ovile DR, ma magari sono semplicemente un folle."

Brosa consigli un' altra lettrice: "evita la Dierre, troppo complicata per gli interventi tecnici. Sono rimasta chiusa fuori un'intera mattinata alla ricerca di una soluzione.."

Robina possiede una porta laccate della Dierre e ne è soddisfatta. Mia cugina possiede lo stesso mio modello però della Garofoli. Anche la cugina è soddisfatta.

Simone: "Dierre costa meno, forse, ma non ha tutta questa cura nei dettagli di qualità....nessuno ti regala niente."

Non è semplice trovare delle recensioni sul web. Quando se ne trovano poche, in generale, sono poco affidabili. Ti prometto che aggiornerò periodicamente la guida.

Infine, concludiamo con i prezzi indicativi delle porte blindate:

Quali sono i prezzi / costi delle porte blindate?

Partirei col dirti che il prezzo dovrebbe essere l'ultimo fattore da valutare nella scelta del portone, in quanto, è un investimento essenziale per la protezione dei beni e dei familiari.

“Il vero valore di una porta blindata non è dato dall'oggetto in sè, ma da tutto ciò che contiene”

In commercio c'è l'imbarazzo della scelta. La scelta è "complicata" dalla presenza di tantissimi modelli che riescono a soddisfare tutte le tasche. Si va dai dai 3500 ai 5.000 euro circa, a seconda delle caratteristiche e del livello di sicurezza.

Per rendere questo paragrafo esaustivo, penso che gli esempi possano essere la modalità migliore. Consideriamo delle porte standard senza marca al variare della classe:

  • CLASSE 2, 80 x 200 cm, Trasmittanza termica 2,4 U, Abbattimento acustico 28 dB, spessore 6 cm: per la fornitura si parte da 350 € fino a 600 €. L'installazione, calcolando un costo orario di 26€/ora, potremmo stare sulle 150 €.
  • CLASSE 3, 80 x 200 cm, Trasmittanza termica 2,4 U, Abbattimento acustico 28 dB, spessore 6 cm: per la fornitura si parte da 500 € fino a 750 €. L'installazione, calcolando un costo orario di 26€/ora, potremmo stare sulle 200 €.
  • CLASSE 4, 80 x 200 cm, Trasmittanza termica 2,4 U, Abbattimento acustico 28 dB, spessore 6 cm: per la fornitura si parte da 650 € fino a 1000 €. L'installazione, calcolando un costo orario di 26€/ora, potremmo stare sulle 300 €.

I modelli brandizzati hanno costi doppi, ma offrono maggiori certezze. Come accennato se vuoi altri opcional, come risparmio energetico superiore, buon isolamento acustico, aperture automatiche etc puoi arrivare fino a 5.000 €.

Aggiungi commento


Commenti  
# valeria 2018-12-19 08:49
Buongiorno, dopo poco più di dieci anni di utilizzo il portoncino blindato Gardesa presenta un pannello degradato che si sfoglia e si accartoccia, una vera delusione per un materiale che ci avevano garantito resistere all'esterno anche in condizioni rigide con salsedine. Nonostante noi si abiti in pianura ed in campagna ed il portoncino sia coperto da ampia tettoia e non sia soggetto a pioggia diretta o ad altre intemperie se non la normale tempertaura esterna, oramai è compromesso. Il confronto con il portoncino del vicino di casa, Dierre con pannello in legno è imbarazzante. Delusione per GARDESA su tuttta la linea! Ovviamente posso fornire immagini!! Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-12-19 17:19
Grazie Valeria per la testimonianza
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Veronica 2018-10-16 11:04
Buongiorno, devo mettere la porta blindata nel mio appartamento in condominio. Secondo la sua conoscenza, come marchi, cosa mi può dire di Vighi e Formentini ? Sono le due sulle quali sono indecisa.
Grazie
Veronica
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Vincenzo Madera 2018-10-16 21:47
Salve Veronica,
cerchi sui forum del web, ma non si faccia fregare dalle finte recensioni....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-10-09 12:03
Articolo molto interessante, ma da completare, per maggiore chiarezza nei confronti del consumatore. Innanzitutto, non si cita la norma a cui le classi di cui sopra fanno riferimento: è la EN 1627-28-29-30 (una per le caratteristiche di ordine generale e le tipologie di prova; la seconda per la prova statica; la terza per la prova dinamica; l'ultima per lo scasso manuale con l'operatore e gli attrezzi indicati; la porta deve superare tutte le prove per poter essere classificata come anti-effrazione in classe RC3, ad esempio). Ricordiamo inoltre che la norma italiana esiste, ed è la UNI9569, ora 'sostituita' (o dimenticata), che prevedeva due classi soltanto ma includeva l'attacco diretto alla serratura, non contemplato nello specifico da quella europea (motivo per cui il 15% delle porte all'epoca non possedeva la certificazione, mentre ora la maggior parte sì, ma soltanto per la norma europea). Per ovviare a questa dimenticanza, gli spagnoli con la UNE 14351 e i francesi con la A2P hanno legiferato in tal senso reintroducendo la prova di scasso al cilindro (e alle sue protezioni), cosicché soltanto le porte meritevoli beneficiassero della certificazione, mentre in Italia (ove si producono più porte che nel resto del mondo) ce ne dimentichiamo e lasciamo che si aprano con un tubo innocenti (non tutte, per carità, ma molte sì). Ha poco senso parlare di un marchio o di un altro, quando la scocca è fatta allo stesso modo (doppia lamiera da 1 mm ciascuna quando siamo fortunati e singola quando non lo siamo) e le serrature tutte uguali (Mottura, Cisa e Mul-t-Lock detengono la maggioranza del mercato), ma uno sguardo al panorama europeo non guasterebbe.
Arch. M. Cento - consulente sicurezza
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Giulia 2018-08-15 22:46
salve stiamo ristrutturando una casa storica in un paesino collinare all'interno del borgo e vorremmo mettere un portone blindato.non so se mi devo riferire alla classe 3 o 4 per la sicurezza.è una casa piuttosto grande su più livelli e non è l'unico punto di accesso.mi serve anche per migliorare il calore sulle scale interne che vanno ai vari piani.grazie in anticipo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-08-18 12:24
In questo periodo conviene investire se ha a disposizione del denaro. La sicurezza a mio parere è un aspetto fondamentale.
Per il risparmio energetico, non si ottengono risultati importanti in quanto si interviene su un elemento di ridotta superficie, ma è pur sempre qualcosa.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# ANTONIO 2018-07-24 22:19
Buonasera Ingegnere. Ho appena acquistato un appartamento in condominio e data la posizione (piano rialzato) ho l'esigenza di sostituire la porta di ingresso con una blindata (classe 2 come suggerito nell'articolo andrebbe bene). Esistono particolari vincoli condominiali cui non poter derogare? Saprebbe consigliarmi ulteriori misure per incrementare la sicurezza? (tipo avvolgibili in alluminio con chiusura ecc. ecc.).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-25 10:16
Salve Antonio,
per i vincoli condominiali, dovrebbe contattare l'amministratore. Non dovrebbero essercene.
Dipende. La tecnica è studiare i punti vulnerabili, dare delle priorità e adottare le soluzioni. La soluzione completa è l'antifurto studiomadera.it/.../...
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Antonio 2018-07-25 10:21
Grazie della tempestività nella risposta. Vi seguo con interesse. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-07-26 12:56
Grazie mille Antonio.
Riferirò a tutto lo staff.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# "Anonimo" 2018-05-31 09:04
Salve, sarebbe interessante approfondire l'articolo come da titolo.
Sono alla ricerca di una porta blindata che abbia allo stesso tempo buone caratteristiche di antieffrazione e di trasmittanza ma mi sto rendendo conto che il mercato in questa fascia non offre tante alternative, in particolare se si cerca qualcosa che abbia anche il meccanismo di chiusura motorizzato con transponder.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Ing. Madera Vincenzo 2018-06-09 13:09
Salve, in effetti l'articolo era in via di stesura. Ci siamo portati aventi. Ci aggiorni circa l'acquisto e per quale azienda ha optato. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

     vincenzo madera                    

Autore: Vincenzo Madera - Ingegnere

 facebook   linkedin

Laureato all'Università degli Studi di Firenze.

Dal 2014 co-titolare dello Studio Madera. 

Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia. Copywriter

Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse, Moca caffè. 

 

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo