Livelli e classi automazione - controllo regolazione gestione tecnologie e impianti - BACS e TBM - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Livelli e classi di automazione per il controllo la regolazione e la gestione delle tecnologie dell’edificio e degli impianti termici (BACS e TBM).

Livelli e classi automazione controllo regolazione gestione tecnologie e impianti BACS e TBM

Ad oggi, i sistemi di automazione e di gestione degli impianti e altre tecnologie, oltre al comfort, ci permettono di risparmiare energia. Quindi, l'automazione consente di coniugare il beneficio economico derivante da una più accorta gestione delle risorse energetiche a molti altri vantaggi.

La norma EN15232, ha voluto affrontare questo aspetto: l'automazione rivolta al risparmio energetico, e in particolare indica:

  • le funzioni di automazione (es. automazione dell'impianto luce, riscaldamento etc.) che hanno un effetto sulle prestazioni energetiche dell‘edificio;
  • il metodo per definire i requisiti minimi di automazione e gestione che devono avere gli immobili e come valutarne l'effetto.

Alcune definizioni fondamentali per il proseguo della lettura:

Per  BACS  “Building Automation and Control Systems” si intendono i sistemi di automazione e controllo degli edifici, quindi ogni prodotto o software in grado di automatizzare.

Mentre il TBM: Technical Home and Building Management”  guarda alla gestione tecnica dell’edifici. Trattasi di un bac più evoluto, comprensivo ad esempio di reportistica, contabilizzazione calore etc.

La norma definisce quattro diverse classi “BACS” di efficienza energetica per classificare i sistemi di automazione degli edifici, sia in ambito residenziale che non residenziale.

Queste quattro classi, da D ad A, non hanno corrispondenza diretta con le sette classi di efficienza energetica dell’edificio (A B C D E F G), definite dalla EN 15217, espresse in kWh / m2 anno o kWh / m3 anno, bensì rappresentano sistemi di automazione con efficienza energetica crescente

Classe D “NON ENERGY EFFICIENT”: comprende gli impianti tecnici tradizionali e privi di automazione e controllo, non efficienti dal punto di vista energetico;

Classe C “STANDARD” (riferimento): corrisponde agli impianti dotati di sistemi di automazione e controllo degli edifici (BACS) “tradizionali”, eventualmente dotati di BUS di comunicazione, comunque a livelli prestazionali minimi rispetto alle loro reali potenzialità.

Classe B “ADVANCED”: comprende gli impianti dotati di un sistema di automazione e controllo (BACS) avanzato e dotati anche di alcune funzioni di gestione degli impianti tecnici di edificio (TBM) specifiche per una gestione centralizzata e coordinata dei singoli impianti. “I dispositivi di controllo delle stanze devono essere in grado di comunicare con il sistema di automazione dell’edificio”.

Classe A “HIGH ENERGY PERFORMANCE”: corrisponde a sistemi BAC e TBM “ad alte prestazioni energetiche” cioè con livelli di precisione e completezza del controllo automatico tali da garantire elevate prestazioni energetiche all’impianto. “I dispositivi di controllo delle stanze devono essere in grado di gestire impianti HVAC tenendo conto di diversi fattori (ad esempio, valori prestabiliti basati sulla rilevazione dell'occupazione, sulla qualità dell'aria ecc.) ed includere funzioni aggiuntive integrate per le relazioni multidisciplinari tra HVAC e vari servizi dell'edificio (ad esempio, elettricità, illuminazione, schermatura solare ecc.)”.

livelli automazione bacs

Quali impianti e tecnologie sono oggetto di classificazione?

Le funzioni oggetto di valutazione sono:

  • Riscaldamento
  • Acqua calda sanitaria
  • Raffrescamento
  • Ventilazione e Condizionamento 
  • Illuminazione
  • Schermature solari
  • sistemi TBM

Ma vediamo le caratteristiche che devono avere le nostre funzioni per rientrare nelle varie classi.

classi a b c d livelli automazione bac

ATTENZIONE: un sistema di automazione è di classe D, C, B o A se tutte le funzioni che implementa sono rispettivamente almeno di classe D, C, B o A. Ciò nonostante anche implementazioni parziali possono consentire risparmi

tags: legge 10, certificazione energetica

Madera Ing. Vincenzo
Author: Madera Ing. VincenzoEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ingegnere Civile

Laureato all'Università degli Studi di Firenze, dal 2014 co-titolare dello Studio Madera.
Esperto in strutture, impianti, urbanistica ed edilizia.
Tra i clienti annovera: Unicef, Coca Cola, Credit Suisse.

Comments powered by CComment

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

annoyingbanner

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

madera fb